2 tazze d’uva al giorno potrebbero aiutarti a vivere più a lungo, spettacoli di studio

Studi pubblicati di recente suggeriscono che il consumo di uva può avere un impatto positivo sulla salute e sulla durata della vita.L’aggiunta di più uva a una dieta occidentale ricca di grassi potrebbe ridurre il rischio di steatosi epatica e aumentare la longevità. Nonostante i risultati positivi, gli esperti affermano che il consumo di uva non è un toccasana per le cattive abitudini alimentari e non compensa gli effetti complessivi del consumo di una dieta occidentale ricca di grassi a lungo termine.Una dieta sana ed equilibrata composta da cibi integrali ricchi di nutrienti è raccomandata dalla maggior parte degli esperti per una salute e un benessere ottimali.

Prove crescenti supportano gli effetti positivi di una dieta derivata da fonti alimentari integrali, inclusi frutta, verdura e altri alimenti non trasformati.

Una serie di nuovi studi, pubblicati sulla rivista Foods, suggeriscono che il consumo di uva può avere un impatto significativo sulla salute e sulla mortalità, in particolare se aggiunta a una dieta occidentale ricca di grassi.

La ricerca, che è stata parzialmente finanziata dalla California Grape Commission, suggerisce che l’aggiunta di circa 2 tazze di uva al giorno a una dieta occidentale ricca di grassi ha portato a una diminuzione della steatosi epatica e a una maggiore durata della vita nei topi.

La malattia del fegato grasso può portare alla cirrosi epatica e alla fine al cancro del fegato. Secondo i risultati dello studio, l’uva da tavola può svolgere un ruolo importante nel ridurre l’incidenza della steatosi epatica e delle sue sequele letali.

L’autore principale John Pezzuto, PhD, preside e professore di farmacia del Western New England University College of Pharmacy and Health Sciences, ha affermato che la sua ricerca dimostra come mangiare uva potrebbe aiutare a compensare alcuni degli effetti di una dieta occidentale ricca di grassi.

“In primo luogo, la durata della vita è aumentata, il che indica una risposta globale a tutto il corpo”, ha detto Pezzuto a Healthline. “Successivamente, il sistema di difesa antiossidante del corpo viene potenziato. Inoltre, il fegato grasso, che si stima colpisca il 25% della popolazione e porti a scarsi risultati per la salute, viene prevenuto o almeno ritardato”.

Secondo Pezzuto, i risultati dello studio indicano anche che chiunque potrebbe potenzialmente trarre beneficio dal consumo di più uva, indipendentemente dal tipo di dieta o dal modello alimentare a cui una persona potrebbe aderire.

“I meccanismi che abbiamo dimostrato di essere mediati dall’uva possono essere generalizzati per promuovere una buona salute, indipendentemente dalla dieta”, ha affermato Pezzuto.

Un microbioma intestinale sano è importante per la salute e il benessere generale e influenza il funzionamento degli organi vitali, compreso il cervello.

Il coautore dello studio Jeffrey Idle, PhD, direttore e professore dotato presso l’Arthur G. Zupko’s Systems Pharmacology and Pharmacogenomics presso la Long Island University, ha spiegato che era evidente nella ricerca che l’aggiunta di uva ha avuto un profondo effetto sul microbiota nel topo modello.

Ma sono ancora necessarie ulteriori ricerche per stabilire se gli effetti sulla salute dell’uva possono essere riprodotti nell’uomo, in particolare se il consumo di uva potrebbe ridurre o invertire la steatosi epatica.

In generale, gli esperti sconsigliano una dieta occidentale ricca di grassi, anche se l’aggiunta di più uva nel mix potrebbe potenzialmente compensare alcuni, ma non tutti, gli effetti negativi.

“È noto che l’uva contiene resveratrolo, un fitonutriente [and] antiossidante che è antinfiammatorio e può essere benefico per la salute”, ha affermato Dana Ellis Hunnes, PhD, MPH, RD, dietista clinico senior UCLA Medical Center, assistente professore UCLA Fielding School of Public Health e autrice di “Ricetta per la sopravvivenza. “

“Detto questo, un alto contenuto di grassi [or] La dieta occidentale ricca di proteine ​​animali non può essere completamente annullata con la sola aggiunta di 2 tazze di uva [per] giorno, così come abbiamo visto che l’aggiunta di integratori di olio di pesce a una dieta malsana non è una panacea per ciò che ci affligge».

Hunnes ha osservato che spesso è difficile osservare eventuali cambiamenti sufficienti nei risultati sulla salute negli studi sulla nutrizione condotti in brevi periodi di tempo, in particolare negli studi su animali non umani (lo studio sui topi di Pezzuto è durato poco più di 18 settimane).

La ricerca del 2020 attribuisce la dieta occidentale ricca di grassi alla prevalenza della malattia del fegato grasso nei paesi sviluppati come gli Stati Uniti, con ben un quarto di tutti gli americani colpiti.

Per ridurre gli effetti dei modelli alimentari occidentali, la maggior parte degli esperti di salute consiglia di seguire una dieta sana ed equilibrata ricca di cibi integrali ricchi di nutrienti.

Ad esempio, una dieta mediterranea, che enfatizza il pesce e gli alimenti vegetali, è ricca di sostanze nutritive, compresi i grassi sani (grassi monoinsaturi e polinsaturi), noti per i loro benefici per la salute e la capacità di aiutare a scongiurare le malattie croniche.

Inoltre, è noto che una dieta a base di cibi integrali a base vegetale, quando equilibrata, riduce il rischio di malattie croniche tra cui malattie cardiache, ictus, diabete, obesità e steatosi epatica.

In altre parole, aggiungere semplicemente un paio di tazze d’uva a una dieta altrimenti malsana è meno efficace per la salute generale che seguire un modello alimentare sano ed equilibrato per tutta la vita. Secondo la nuova ricerca, l’uva può essere un’aggiunta preziosa alle attuali raccomandazioni dietetiche.

“Tale che la dieta influenza le malattie, una dieta sana ed equilibrata fornisce la migliore prevenzione generale delle malattie”, ha affermato Idle.

“È stato raccomandato il consumo giornaliero di 5 porzioni al giorno di frutta e verdura, senza alcuna previsione, ad esempio, su frutta specifica. La nostra ricerca in collaborazione con il Dr. Pezzuto suggerisce fortemente che l’uva da tavola dovrebbe essere un costituente principale di queste 5 porzioni al giorno”.

Un passo successivo che vale la pena indagare potrebbe essere l’effetto palliativo dell’uva sullo sviluppo della steatosi epatica.

“Questo potrebbe essere profondamente importante dal momento che così tante persone sono affette da fegato grasso. Dobbiamo esaminarlo in modo più dettagliato”, ha detto Pezzuto.

“Siamo particolarmente affascinati dall’effetto dell’uva sull’espressione genica. Abbiamo riportato questo effetto nel cervello e nel fegato, entrambi con buoni risultati, ma sappiamo da lavori inediti che l’espressione genica è cambiata anche in altri tessuti, come il rene, per esempio”, ha detto Pezzuto. “Esploreremo questo in modo più dettagliato”.

Inoltre, lo studio sull’uva di Pezzuto è stato condotto su femmine e il suo team sta attualmente conducendo studi per studiare l’effetto dell’uva sui maschi.

“Alcuni colleghi hanno suggerito che gli effetti potrebbero essere ancora maggiori [in] maschi,” disse Pezzuto. “Questo è uno studio a lungo termine, ma siamo entusiasti di avere l’opportunità di continuare questo lavoro”.

Il crescente corpo di ricerca sui benefici per la salute dell’uva parla degli effetti positivi sulla salute del consumo di un alimento intero ricco di sostanze nutritive.

“Nel complesso, credo che questo lavoro sarà visto come un tour de force nel campo della nutrigenomica”, ha detto Pezzuto. “Non solo [are] “sei quello che mangi”, ma “diventi quello che mangi” attraverso l’alterazione dell’espressione genica, anche nel cervello. Ci si deve chiedere se le abitudini alimentari, il comportamento e la personalità siano più strettamente correlati di quanto si possa immaginare”.

Nonostante i risultati positivi, tuttavia, gli esperti osservano che è improbabile che l’aggiunta di cibi sani come l’uva a una dieta altrimenti malsana abbia un impatto significativo sulla salute umana e sulla durata della vita a lungo termine.

Sono ancora necessari ulteriori studi sull’uomo per determinare se il consumo di uva può ridurre il rischio di malattie croniche come il fegato grasso e aumentare la durata della vita. Per ora, gli esperti continuano a raccomandare una dieta sana ed equilibrata ricca di cibi integrali ricchi di nutrienti per promuovere la salute e il benessere generale.

Controlla anche

Diabete di tipo 1: perché si prevede che i casi raddoppieranno in tutto il mondo entro il 2040

Condividi su PinterestGli esperti affermano che una migliore gestione della malattia potrebbe essere una delle …