Confermato, Courtois non è umano: il belga svela di aver giocato la finale infortunata

È stato, e di gran lunga, il grande personaggio della finale di Parigi che ha regalato al Real Madrid la sua quattordicesima Champions League. Con almeno cinque parate da un altro pianeta, Thibaut Courtois ha confermato di essere il miglior portiere di oggi. Ma oltre alla sua grande prestazione per tutta la stagione, un fatto rivelato ne esalta ulteriormente la figura: sabato ha giocato infortunato contro il Liverpool per pubalgia.

L’informazione è stata avanzata dal quotidiano ‘Marca’, che ha riferito che il portiere belga non era fisicamente al cento per cento e ha giocato la finale contro lo Stade de France con disagio al pube. E lo stesso Courtois ha confermato la notizia.

“Se giocherò questa settimana? Devo ancora vederlo. Ho giocato con la pubalgia tutto l’anno. Ho giocato con dolore anche nella finale di Champions League. È possibile che tu debba riposare su richiesta medica. Pertanto, dobbiamo ancora vedere cosa faremo la prossima settimana con l’allenatore. L’infortunio non spetta a me dover annullare la chiamata, ma se voglio essere in forma per il Mondiale devo riposare”, ha rivelato il portiere ai media belgi.

“Riguardo alla perdita del matrimonio di mio fratello? È un peccato, ma lunedì sarò con lui. Dopo il fischio finale a Parigi, mi sono avvicinato alla mia famiglia piangendo di gioia. È stata una stagione molto solida in questa Champions League. Da portiere vincere questo titolo con così tante parate è incredibile e non potrebbe essere più bello. Ho perso la finale con l’Atlético e quello è uno dei momenti peggiori della mia carriera”, ha aggiunto.

In vista della finale, Courtois aveva detto di essere ormai dalla parte buona della storia, ricordando la finale persa come ‘materasso’ a Lisbona contro il Real Madrid. Il belga ha confessato di aver paura di perdere di nuovo l’Orejona.

“Speri sempre di avere un’altra possibilità, ma avevo paura che non sarebbe successo. Buffon ha perso anche tre o quattro finali e un portiere come lui merita una vittoria. Avevo una tale concentrazione che volevo fermare tutto, soprattutto dopo la parata di Mané nel primo tempo. Non credo che mi rispettino abbastanza in Inghilterra. Anche dopo una stagione fantastica, ci sono state molte critiche”.

Ricevi la nostra newsletter: ti invieremo i migliori contenuti sportivi, come fa sempre Depor.

POTREBBE INTERESSARTI VIDEO CONSIGLIATO

Controlla anche

Real Madrid contro Liverpool: data, ora e canali degli ottavi di finale di Champions League

Real Madrid contro Il Liverpool si affronterà negli ottavi di finale della stagione 2022-23 di …