Cosa sapere sul rischio di cancro dovuto alle protesi mammarie

Le protesi mammarie sono state collegate a ulteriori forme di cancro.Questi includono carcinoma a cellule squamose e vari linfomi. La FDA prevede che questi tipi di cancro siano rari nelle persone con protesi mammarie.

Le protesi mammarie sono state collegate a più forme di cancro, secondo un avvertimento emesso venerdì dalla Food and Drug Administration (FDA).

La FDA ha precedentemente avvertito le donne dell’associazione delle protesi mammarie con il linfoma anaplastico a grandi cellule associato alla protesi mammaria (BIA-ALCL), tuttavia, questi rapporti suggeriscono che le protesi potrebbero essere collegate al carcinoma a cellule squamose (SCC) e anche a vari linfomi.

“Il carcinoma a cellule squamose associato alla protesi mammaria (BIA-SCC) è un tumore molto raro ma potenzialmente aggressivo che può diffondersi a tessuti locali e siti distanti. Ad oggi, ci sono solo 16 casi segnalati di BIA-SCC, quindi è difficile determinare quali fattori aumentino il rischio di questa malattia”, ha affermato la dott.ssa Haripriya S. Ayyala, chirurgo plastico e ricostruttivo di Yale Medicine e assistente professore di chirurgia a Yale Scuola di Medicina, ha detto a Healthline.

Non è chiaro quali siano i fattori di rischio per il cancro dentro e intorno alle protesi mammarie. Non è inoltre noto quale sia il tasso di incidenza, tuttavia, la FDA ritiene che l’insorgenza di questi tipi di cancro all’interno della capsula della protesi mammaria sia rara.

“Il legame tra protesi mammarie e cancro in generale è molto raro: meno di 20 casi di carcinoma e meno di 30 casi di linfomi imprevisti [have been reported] – e coinvolge la capsula o il tessuto cicatriziale attorno alla protesi mammaria”, afferma la dott.ssa Constance M. Chen, chirurgo plastico e specialista in ricostruzione del seno a New York.

Secondo la FDA, quando le protesi mammarie sono state approvate, sono stati segnalati casi di SCC e alcuni linfomi nella capsula attorno alla protesi mammaria per protesi mammarie lisce e strutturate insieme a protesi mammarie saline e al silicone.

I pazienti sono stati diagnosticati anni dopo aver ricevuto gli impianti e hanno manifestato una serie di sintomi, tra cui gonfiore, dolore, noduli e alterazioni della pelle.

Un rapporto del 2021 ha rilevato che l’età media alla diagnosi era di 60 anni e il tempo medio dall’impianto alla diagnosi era di 25 anni.

“Queste neoplasie sono rare, ma le protesi mammarie non sono dispositivi a vita e il rischio di complicanze aumenta con l’età dell’impianto”, ha affermato Ayyala.

Non si sa nemmeno cosa causi questi tipi di cancro, ma gli scienziati sospettano che possa essere dovuto all’infiammazione cronica e all’irritazione della protesi mammaria e all’epitelizzazione (parte del processo di chiusura della ferita) attorno alla capsula.

BIA-ALCL si trova in modo simile nel tessuto cicatriziale vicino alla protesi mammaria, ma può diffondersi in tutto il corpo.

Il rischio di sviluppare BIA-ALCL da protesi mammarie è basso, tuttavia può accadere ed essere pericoloso per la vita. I pazienti con protesi mammarie che sviluppano BIA-ALCL in genere devono rimuovere le protesi e il tessuto cicatriziale e sottoporsi a radioterapia o chemioterapia.

La FDA raccomanda di conoscere i rischi delle protesi mammarie, che includono dolore al seno e cambiamenti nella sensazione dei capezzoli, la necessità di ulteriori interventi chirurgici, rottura e sgonfiaggio e sintomi sistemici.

Se si dispone già di protesi mammarie, non è necessario modificare le cure mediche di routine, ma è necessario monitorare le protesi mammarie per eventuali cambiamenti anomali.

“La FDA attualmente non raccomanda la rimozione delle protesi mammarie esistenti in pazienti senza sintomi”, afferma Ayyala.

In caso di sintomi, parla immediatamente con il tuo medico e invia un rapporto tramite il sistema MedWatch della FDA.

“Le persone che vogliono ottenere protesi mammarie dovrebbero chiedere a che tipo di segni prestare attenzione se hanno protesi mammarie e consultare un medico se hanno dubbi sui cambiamenti nel loro corpo che pensano possano essere causati dalle protesi mammarie, Chen ha detto.

Le protesi mammarie sono state collegate a ulteriori forme di cancro: carcinoma a cellule squamose e vari linfomi. Non è chiaro quali siano i fattori di rischio e il tasso di incidenza, ma la FDA prevede che questo tipo di cancro sia raro nelle persone con protesi mammarie.

Controlla anche

Le statine che abbassano il colesterolo possono ridurre il rischio di un tipo comune di ictus

Condividi su PinterestLe statine sono comunemente prese per mantenere livelli di colesterolo sani. Immagini GettyIl …