Dyche prende di mira la vecchia tavola di Burnley

L’ex boss del Burnley Sean Dyche ha avuto una crepa nel precedente consiglio di amministrazione del club.

Dyche ha lasciato il suo incarico ad aprile dopo quasi un decennio in carica a Turf Moor.

E Dyche ha criticato l’ex consiglio del club per non aver investito soldi nella sua squadra.

Parlando al podcast Off The Hook con Jimmy Bullard, Dyche ha dichiarato: “La proprietà è cambiata dopo la pandemia e questo l’ha resa difficile.

“Durante la preparazione alla vendita, il vecchio consiglio e il presidente non volevano investire soldi ed è davvero difficile. Stiamo entrando in una stagione e abbiamo ingaggiato un giocatore per £ 750.000 (Dale Stephens) ed è stato esso, in un’estate in Premier League che è minuscola.

“Vai alla prossima stagione con gli stessi giocatori e devi tirarlo fuori di nuovo, cosa che abbiamo fatto. Ma sarebbe sempre stata dura.

“Burnley aveva perso fortune, quindi un punto di partenza, anche quando siamo arrivati ​​in Premier League, non avrebbero mai investito soldi enormi. Semplicemente non sarebbe successo.

“Poi sono andati davanti alla partita di decine di milioni e non volevano rischiare perché abbiamo una salvaguardia. Poi arriva la possibilità di vendere e non hanno rischiato neanche quello perché noi vogliamo vendere. E poi loro vai e rimani nel mezzo dicendo ‘oh, okay, grazie'”.

Controlla anche

De Zerbi, boss del New Brighton: sono orgoglioso di dover affrontare Klopp e Liverpool

Il boss del New Brighton Roberto de Zerbi ha parlato della sua ammirazione per Jurgen …