Etichette nutrizionali: sarebbe utile passare in primo piano sui pacchetti alimentari?

Condividi su PinterestGli esperti affermano che le etichette nutrizionali sulle confezioni degli alimenti aiutano i consumatori a fare scelte più sane. d3sign/Getty ImagesI funzionari federali stanno valutando la possibilità di richiedere alle aziende di apporre etichette nutrizionali sulla parte anteriore degli imballaggi alimentari.Gli esperti affermano che questo cambiamento aiuterà i consumatori a fare scelte più sane purché le informazioni non siano confuse.Dicono che l’aggiunta di informazioni nutrizionali sui menu dei ristoranti sia stata utile, anche se le calorie non dovrebbero essere gli unici dati elencati.

La scelta di cibi confezionati che si adattano a uno stile di vita più sano potrebbe diventare più facile prima piuttosto che dopo.

La Food and Drug Administration sta studiando i potenziali vantaggi di avere un sistema di classificazione a stelle o un sistema di classificazione a semaforo sulla parte anteriore delle confezioni di cibo anziché sul retro.

I funzionari della Casa Bianca hanno pubblicato un rapporto di 44 pagine che è stato presentato alla loro recente conferenza su fame, nutrizione e salute.

Hanno affermato che avere questi indicatori di salute sulla parte anteriore delle confezioni può aiutare le persone a fare scelte alimentari più sane più facilmente e più rapidamente che mai.

Hanno affermato che ciò potrebbe avere un impatto particolarmente significativo per le comunità con livelli più bassi di alfabetizzazione nutrizionale.

Amy Gorin, MS, RDN, è una dietista e nutrizionista registrata a base vegetale che dice a Healthline che pensa che l’etichettatura frontale farebbe una grande differenza nell’aumentare la consapevolezza sulle informazioni nutrizionali negli alimenti confezionati.

“Questa etichetta riassumerebbe importanti informazioni nutrizionali in modo significativo per i consumatori di generi alimentari e li incoraggerebbe a dedicare alcuni secondi per confrontare le informazioni nutrizionali tra i prodotti”, ha affermato.

Amy Reed, MS, RD, CSP, LD, è una dietista pediatrica e portavoce dell’Academy of Nutrition and Dietetics. È d’accordo che il nuovo sistema di etichettatura sarebbe utile.

“La raccomandazione di utilizzare un simbolo riconosciuto per indicare la salute di un prodotto porterà a una migliore accessibilità delle persone con scarsa alfabetizzazione sanitaria”, afferma.

Lon Ben-Asher, MS, RD, LD/N, nutrizionista presso il Pritikin Longevity Center in Florida, ha detto a Healthline che apporre le etichette nutrizionali sulla parte anteriore della confezione è un passo nella giusta direzione.

“Attualmente, i produttori di alimenti possono commercializzare e includere molte informazioni sulla parte anteriore della confezione per attirare l’attenzione del consumatore. Tuttavia, non c’è molto, se non del tutto, ricorso per pubblicità falsa e la maggior parte di qualsiasi responsabilità legale rimane sul retro del pacco”, ha affermato.

“Posizionare le etichette nutrizionali sulla parte anteriore della confezione fornirà maggiore trasparenza al consumatore e aiuterà a impedire ai produttori di ingannare il pubblico”, ha aggiunto Ben-Asher.

Amy Bragagnini, MS, RD, CSO, specialista in nutrizione oncologica presso il Mercy Health Lacks Cancer Center nel Michigan e portavoce dell’Academy of Nutrition and Dietetics, afferma che l’aggiunta di informazioni nutrizionali sulla parte anteriore delle confezioni degli alimenti è un altro modo per aumentare i consumatori informato dei prodotti che stanno acquistando.

“Le persone impegnate di solito cercano di entrare e uscire dal negozio di alimentari in modo tempestivo. Se le etichette nutrizionali sono facilmente accessibili sulla parte anteriore dei prodotti, potrebbero avere più facilità a confrontare i prodotti senza doversi fermare e girare gli articoli”, ha detto Bragagnini a Healthline.

Prendi lo yogurt, per esempio.

“Incoraggerei i miei pazienti a scegliere uno yogurt con una quantità relativamente bassa di zuccheri aggiunti. Poiché ci sono così tante marche/tipi di yogurt, potrebbe essere necessario molto tempo per confrontare i prodotti. Le etichette frontali renderebbero il lavoro molto più semplice per il consumatore”, ha affermato Bragagnini.

“Ma alla fine, i consumatori devono comprendere le basi della nutrizione prima di poter prendere decisioni informate sul cibo che stanno acquistando”, ha aggiunto.

“Incoraggerei le persone a chiedere consiglio a un dietista registrato per aiutare a informare al meglio le persone su quali aspetti dell’etichetta nutrizionale potrebbero essere di loro maggiore interesse”, ha suggerito Bragagnini.

Tuttavia, ci sono alcuni problemi con le etichette nutrizionali sulla parte anteriore della confezione.

“Alcune preoccupazioni sulla parte anteriore delle etichette delle confezioni sono che ci sono così tanti fattori nel determinare la salute di un alimento”, ha osservato Reed. “Inoltre, ciò che è salutare per un individuo potrebbe non esserlo per un altro”.

Ad esempio, un bambino di età inferiore ai 2 anni è incoraggiato ad avere fonti di grasso più sane per lo sviluppo del cervello, ma un adulto è incoraggiato ad avere meno fonti di grasso nella sua dieta, ha detto Reed.

Sì e no, dicono esperti.

Reed afferma che l’inclusione di informazioni sulle calorie nei menu dei ristoranti può portare le persone a essere più consapevoli di ciò che stanno mangiando, ma le calorie non sono l’unico determinante della salute di un alimento.

“Quando le calorie sono tutto ciò che è elencato, non fornisce informazioni inclusive sul cibo e ci porta a etichettare il cibo come ‘buono’ o ‘cattivo’ in base a un criterio”, ha affermato. “Ci sono altre cose da considerare come il contenuto di fibre, il contenuto di calcio, il contenuto di grassi, il contenuto di proteine, ecc.”

Gorin dice che crede che le etichette dei menu abbiano davvero aiutato le persone.

“Non sappiamo cosa non sappiamo. E nei ristoranti, hai solo così tante informazioni a portata di mano – e gran parte di queste richiede uno sforzo per accedervi, come scavare tra le informazioni sugli ingredienti sul sito Web di un ristorante. Quando le calorie sono poste in primo piano e al centro di un menu, questo rende molto più facile per i commensali prendere decisioni attente alla salute”, ha affermato.

Bragagnini è combattuto sull’argomento.

“Per alcune persone, avere le informazioni nutrizionali elencate accanto alle loro voci di menu preferite può essere utile. Vedere la ripartizione dei dati nutrizionali potrebbe aiutarli a decidere quale piatto si adatta meglio ai loro obiettivi nutrizionali generali.

“Per altri, avere le informazioni nutrizionali elencate potrebbe essere sia confuso che esasperante”, ha aggiunto Bragagnini. “Molte persone non vogliono considerare l’impatto calorico delle loro voci di menu preferite e vogliono semplicemente godersi l’opportunità di mangiare fuori”.

Bragagnini dice che consumare un pasto fuori al ristorante non cambierà drasticamente la tua salute generale.

“Insegno ai miei pazienti che trovare l’equilibrio con l’alimentazione è la chiave. Li esorto a fare scelte alimentari informate e complete durante la maggior parte della settimana”, dice.

“E li incoraggio anche a gustare di tanto in tanto i loro piatti preferiti senza vergogna o senso di colpa. Secondo me, questo è un’alimentazione equilibrata”, ha aggiunto.

Ben-Asher osserva che nel complesso c’è molto più lavoro da fare per le politiche pubbliche. Le calorie da sole non equivalgono necessariamente a scelte salutari, dice.

“Tuttavia, elencare le informazioni nutrizionali e le calorie pertinenti può aiutare i consumatori a essere più consapevoli delle proprie scelte e portare a decisioni migliori e più sane”, ha affermato.

Controlla anche

Il farmaco dimagrante Semaglutide influisce sul sapore del cibo?

Condividi su Pinterest In rapporti recenti, le persone hanno descritto in modo aneddotico i cambiamenti …