Gli adulti sopra i 45 anni con insonnia possono affrontare un rischio maggiore di perdita di memoria

Condividi su PinterestDormire a sufficienza può diventare più difficile con l’età a causa dei cambiamenti cerebrali e ormonali, che secondo la ricerca possono influenzare la cognizione. Gruppo di persone reali / Getty ImagesDormire a sufficienza è fondamentale per mantenere il benessere psicofisico.Un nuovo studio condotto da ricercatori canadesi ha scoperto che l’insonnia può aumentare il rischio di perdita di memoria negli adulti di età superiore ai 45 anni.Per molte persone, dormire a sufficienza può diventare più difficile man mano che invecchiano a causa di cambiamenti cerebrali e ormonali.Cambiamenti nello stile di vita, terapie, ausili per il sonno e farmaci possono tutti aiutare a promuovere un sonno di qualità.

Un buon riposo notturno consente al corpo e al cervello di ringiovanire e una nuova ricerca ha indicato quanto sia importante un sonno sufficiente per preservare la funzione cognitiva.

Uno studio canadese, recentemente pubblicato sulla rivista SLEEP, ha analizzato i dati di oltre 26.000 adulti di età compresa tra 45 e 65 anni che sono stati raccolti in 3 anni.

Nel 2019, i partecipanti hanno completato un questionario su sonno e memoria e sono stati sottoposti a test neuropsicologici. Gli stessi interrogatori e test sono stati poi ripetuti nel 2022.

I ricercatori hanno scoperto che coloro che non avevano sintomi di insonnia nel 2019 ma avevano sviluppato alcuni sintomi di insonnia o probabile disturbo di insonnia (PID) entro il 2022 avevano maggiori probabilità di segnalare un declino soggettivo della memoria. Quelli con sintomi di insonnia nel 2019 che si erano sviluppati in PID entro il 2022 hanno auto-riferito maggiori problemi di perdita di memoria.

Il test della memoria ha anche rivelato che gli uomini con disturbo di insonnia hanno prestazioni peggiori delle donne con questa condizione.

“Anche se questo non significa che la loro memoria fosse effettivamente peggiore, li espone a un rischio maggiore di sviluppare problemi di memoria in futuro”, Nathan Cross, PhD, un borsista post-dottorato del Sleep, Cognition and Neuroimaging Laboratory di Montreal e co -responsabile dello studio, spiegato a Healthline.

Mentre la ricerca precedente ha esplorato gli effetti del sonno sulla funzione cognitiva, Cross ha affermato che il nuovo studio differiva in un aspetto chiave.

“Molte ricerche hanno utilizzato metodi molto mirati e dettagliati in campioni di piccole dimensioni o misure generali molto unidimensionali (ad es. domande come ‘quanto dormi?’ o ‘quanto è buono il tuo sonno?’) in dimensioni più grandi popolazioni”, ha detto.

“Avevamo accesso a informazioni dettagliate sulle abitudini del sonno di un folto gruppo di adulti canadesi. [This] ci ha permesso di raggruppare le persone in base alla gravità dei loro disturbi del sonno: disturbo dell’insonnia, sintomi dell’insonnia o dormienti sani. Questo non è mai stato fatto prima.”

Cross ha evidenziato che lo studio ha studiato gli impatti del disturbo da insonnia, non solo quelli di una brutta notte di sonno.

“L’insonnia è un disturbo psicologico riconosciuto con una serie di criteri per la diagnosi”, ha detto.

I criteri per il disturbo d’insonnia sono definiti dall’American Psychiatric Association nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, 5th Edition (DSM-5) e includono difficoltà ad iniziare o mantenere il sonno e risveglio mattutino con incapacità di tornare a dormire.

Se uno o più dei criteri del DSM-5 sono soddisfatti e le difficoltà del sonno sono presenti per almeno 3 mesi, a un individuo può essere diagnosticato un disturbo di insonnia.

Una diagnosi, ha aggiunto Cross, “include il riconoscimento che i problemi del sonno influiscono sul funzionamento durante il giorno”.

In effetti, l’impatto dell’insonnia sulle capacità fisiche e mentali di una persona può essere significativo.

“C’è una vasta letteratura che mostra un calo delle prestazioni psicofisiologiche quando le persone non dormono abbastanza”, ha condiviso con Healthline Brian A. Moore, PhD, assistente professore di psicologia alla Kennesaw State University e consulente di Momentous.

“Ad esempio, gli studi sulla privazione del sonno nel personale militare hanno riscontrato riduzioni delle prestazioni quando il personale dormiva meno di 7 ore a notte”, ha affermato.

Come il sonno influisce sul cervello

Durante il sonno, Cross ha spiegato che il cervello è impegnato a “rimuovere i rifiuti tossici che si accumulano durante il giorno e cambiare le connessioni tra le cellule cerebrali per risparmiare energia”.

“È anche associato al rafforzamento dei ricordi appresi durante il giorno, rafforzandoli in modo da poter estrarre significato e collegamenti tra diverse esperienze”, ha aggiunto.

Moore ha detto che la mancanza di sonno significa anche che il corpo non è in grado di ricaricarsi al massimo, quindi l’energia viene distribuita in modo più sottile.

“Quando i nostri corpi sperimentano fattori di stress prolungati (come il sonno insufficiente), altre risorse devono recuperare il gioco”, ha condiviso. “Le nostre risorse interne non sono infinite e quando non dormiamo a sufficienza, spesso c’è un degrado in aree delle prestazioni come la memoria o i tempi di reazione”.

Lo studio canadese si è concentrato sul sonno delle persone anziane e ha notato che molti hanno riferito di un peggioramento dei modelli di sonno durante i 3 anni di ricerca.

E per molte persone, la capacità di ottenere un sonno di qualità può iniziare a diminuire con l’età.

“Vediamo in particolare problemi con il mantenimento del sonno [older adults]”, ha detto a Healthline Chelsie Rohrscheib, PhD, neuroscienziata ed esperta di sonno della testa presso Wesper.

“La capacità del cervello di controllare e mantenere il sonno può diminuire con l’età. “Questo perché la funzione cerebrale in generale diminuisce quando le cellule comunicanti, chiamate neuroni, invecchiano e diventano disfunzionali”.

Un cambiamento negli ormoni può anche influire sulla qualità e sulla durata del sonno.

“Un cervello che invecchia può perdere la capacità di regolare gli ormoni come la melatonina e il cortisolo e neurotrasmettitori come il GABA, che sono essenziali per la salute del sonno”, ha osservato Rohrscheib.

Moore ha osservato che altri elementi possono anche svolgere un ruolo nella qualità del sonno quando le persone invecchiano.

“Ci sono fattori biologici, sociali e psicologici che influenzano in modo differenziale ma dinamico il declino cognitivo”, ha affermato. “Si può affermare con certezza che, nel tempo, la disfunzione cronica del sonno contribuirà a problemi di salute a valle e che un intervento immediato è sempre il migliore”.

Che tu soffra di insonnia, difficoltà di sonno o semplicemente desideri dormire meglio la notte, ci sono dei passaggi che puoi adottare per migliorare la qualità del tuo sonno.

Pratica una buona igiene del sonno

Potresti aver sentito la frase “igiene del sonno” e, secondo Rohrscheib, è importante sviluppare un regime a cui attenersi.

“Presta molta attenzione alle azioni che fai durante il giorno e a come potrebbero influenzare il sonno in seguito”, ha detto. “Ciò include non consumare caffeina troppo tardi durante la giornata, non usare l’elettronica prima di andare a letto e mantenere un programma di sonno rigoroso”.

Prova integratori o farmaci

I coadiuvanti del sonno possono essere particolarmente utili per favorire il sonno, specialmente tra le persone anziane.

“Gli studi hanno dimostrato che gli anziani producono meno melatonina [the sleep hormone] di quanto è necessario per dormire”, ha spiegato Rohrscheib. “Potrebbero essere necessari anche altri farmaci da prescrizione”, ha aggiunto.

In ogni caso, chiedi sempre consiglio al tuo medico prima di assumere qualsiasi nuovo integratore o farmaco.

Considera altri problemi di salute

Varie condizioni di salute possono contribuire ai sintomi dell’insonnia e affrontarli può aiutare a migliorare la qualità del sonno.

Rohrscheib ha osservato che i disturbi tra cui “dolore cronico, artrite, malattie cardiovascolari, diabete o disturbi della salute mentale” – molti dei quali diventano più diffusi tra gli anziani – possono tutti avere un impatto negativo sul sonno.

Allena il tuo corpo e il tuo cervello

Esperti come Rohrscheib concordano sul fatto che l’esercizio e la stimolazione mentale sono importanti per una buona qualità del sonno.

“Gli anziani dovrebbero fare almeno 30 minuti di esercizio al giorno e dedicare una parte significativa della loro giornata ad attività mentali, come i puzzle o la lettura”, ha detto.

Prova le terapie cognitive

A volte possono verificarsi sintomi di insonnia perché la mente va in overdrive preoccupandosi del fatto che non stai dormendo.

In questi casi, esercizi di rilassamento come le immagini guidate possono aiutare a favorire il sonno.

Il sonno è stato a lungo associato alla funzione cognitiva e la nuova ricerca evidenzia ulteriormente il suo potenziale ruolo in relazione alla perdita di memoria.

Tuttavia, ha spiegato Moore, vale la pena notare che i livelli di perdita di memoria in questo studio sono stati auto-riferiti e, “in alcuni casi, potrebbe essere un ‘effetto aspettativa’ in cui le persone si aspettano di avere una scarsa memoria mentre invecchiano”.

Sebbene siano ancora necessarie ulteriori ricerche cliniche sul legame tra insonnia e perdita di memoria, i risultati dello studio canadese offrono ancora lezioni importanti.

“I risultati mostrano che è importante prendere sul serio i disturbi del sonno e parlarne con il medico”, ha detto Cross.

Controlla anche

Il farmaco dimagrante Semaglutide influisce sul sapore del cibo?

Condividi su Pinterest In rapporti recenti, le persone hanno descritto in modo aneddotico i cambiamenti …