I bambini ricoverati in ospedale con COVID-19 possono avere problemi di salute persistenti mesi dopo

Condividi su Pinterest I bambini ricoverati in ospedale per COVID-19 possono avere sintomi persistenti mesi dopo. Alexandra Pavlova/Getty ImagesI ricercatori affermano che il 27% dei bambini ricoverati in ospedale per COVID-19 nelle prime fasi della pandemia ha avuto problemi di salute mesi dopo essere stato curato.Hanno detto che i disturbi più comuni erano la compromissione dell’attività e i sintomi persistenti.Gli esperti affermano che i genitori possono aiutare i propri figli riducendo il rischio di contrarre il COVID-19 facendo vaccinare i propri figli e osservando protocolli di sicurezza come l’uso della mascherina e il distanziamento fisico.

Più di un quarto dei bambini ricoverati in ospedale con COVID-19 nelle prime fasi della pandemia ha avuto problemi di salute da due a quattro mesi dopo.

La ricerca pubblicata oggi sulla rivista Pediatrics riporta che il 27% dei bambini ricoverati in ospedale con COVID-19 presentava una compromissione dell’attività, sintomi persistenti o entrambe le condizioni da due a quattro mesi dopo essere stato curato per la malattia.

“Quasi tre quarti sono tornati alla linea di base, il che è rassicurante. Ma, sfortunatamente, più di uno su quattro non lo era”, ha affermato in un comunicato stampa la dott.ssa Adrienne Randolph, ricercatrice principale dello studio e associata senior in medicina di terapia intensiva presso il Boston Children’s Hospital.

“Anche se questo è molto meglio di molti rapporti negli anziani ricoverati in ospedale, è ancora molto preoccupante. I rischi di malattie gravi e complicazioni persistenti sono superiori al rischio di complicanze del vaccino, che sono molto rari”, ha aggiunto.

La ricerca è stata condotta tra maggio 2020 e maggio 2021, prima che i vaccini fossero disponibili per i bambini.

I sintomi persistenti più comuni erano affaticamento o debolezza, mancanza di respiro, tosse, mal di testa, dolori muscolari e muscolari e febbre.

Il dottor Dean Blumberg, capo delle malattie infettive pediatriche presso il Davis Children’s Hospital dell’Università della California, afferma che lo studio è un buon promemoria del fatto che mentre i tassi di ospedalizzazione e ricovero in terapia intensiva possono essere inferiori nei bambini rispetto agli adulti, COVID-19 può ancora avere un significativo impatto a lungo termine su di essi.

“Sono ancora significativamente colpiti da questo. Questo può cambiare il loro stile di vita. Può cambiare la loro capacità di partecipare alle normali attività dell’infanzia. Penso che sia un campanello d’allarme per alcuni genitori almeno su quanto sia importante proteggere i propri figli dal COVID per assicurarsi che siano vaccinati e che evitino situazioni ad alto rischio di infezione”, ha detto Blumberg a Healthline.

I bambini e gli adolescenti nello studio hanno anche riportato una compromissione dell’attività dopo due o quattro mesi.

Ciò includeva non essere in grado di camminare o fare esercizio quanto prima, dormire più del solito, sentirsi distratti o sfocati e avere difficoltà a completare i compiti.

È qualcosa che il dottor Jaime Friedman, un pediatra di San Diego, ha visto nei suoi pazienti.

“Ho visto bambini con ridotta resistenza e difficoltà a tornare allo sport dopo il COVID. Per fortuna, nei bambini che ho visto questo era temporaneo”, ha detto a Healthline.

“È molto preoccupante perché così tanti credono che il COVID non colpisca i bambini. Sappiamo che non è così. Con l’inizio delle scuole sono preoccupato per l’aumento delle infezioni. Non è “solo un raffreddore” per tutti”, ha aggiunto Friedman.

I dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie mostrano che più di 1 milione di persone negli Stati Uniti sono morte a causa del COVID-19.

Di questi, solo 1.201 erano bambini e adolescenti.

Tuttavia, gli esperti affermano che il COVID-19 deve ancora essere preso sul serio nei bambini poiché l’impatto a lungo termine dei sintomi persistenti o della compromissione può essere significativo.

“Se il COVID lungo si traduce in una compromissione dell’apprendimento, ciò può influenzare il futuro di un bambino. Può influenzare le loro future carriere, il loro successo finanziario, può influenzarli in tanti modi”, ha detto Blumberg.

“Ci sono prove crescenti che l’infezione da COVID può portare allo sviluppo di malattie più croniche come il diabete, e quindi può anche influenzare la loro salute fisica”, ha aggiunto. “Ci sono molti effetti diversi che possono accadere nei bambini e la vera tragedia è che non ci sono buone soluzioni. Ci sono stati pochissimi studi su cosa fare con i pazienti con COVID lungo e per sviluppare qualsiasi tipo di terapia efficace”.

Mentre lo studio ha esaminato i bambini che sono stati ricoverati in ospedale, gli esperti affermano che anche i bambini che non sono ricoverati possono ancora avere problemi di salute a seguito di un’infezione da COVID-19.

“Alcuni bambini hanno anche sintomi persistenti o compromissione dell’attività dopo COVID-19 anche se non hanno richiesto il ricovero in ospedale”, ha detto a Healthline la dottoressa Julianne Burns, medico pediatrico di malattie infettive presso la Stanford Medicine Children’s Health in California.

“I pediatri hanno visto molti bambini le cui vite sono state colpite da una malattia COVID-19. I sintomi persistenti, in particolare l’affaticamento, possono impedire ai bambini più grandi di frequentare la scuola e di partecipare a sport e altre attività di cui prima godevano. Anche i bambini più piccoli possono manifestare sintomi che influiscono sulla loro vita quotidiana, come la necessità di fare un pisolino più spesso”, ha aggiunto.

Gli esperti che hanno parlato con Healthline affermano che la cosa migliore che i genitori possono fare per proteggere i propri figli è cercare di evitare il COVID-19 in primo luogo adottando ragionevoli precauzioni.

“I genitori possono assicurarsi che i loro figli siano aggiornati sulla vaccinazione COVID-19 (compresi i richiami, se idonei) che ha dimostrato di ridurre il rischio di malattie gravi. Questo è importante anche se i bambini hanno già avuto il COVID-19″, ha affermato Burns.

“I genitori possono anche adottare protezioni ragionevoli per cercare di ridurre il rischio di contrarre il COVID-19, come indossare una maschera in ambienti affollati e soprattutto al chiuso”, ha aggiunto.

Controlla anche

Morbillo: CDC e OMS avvertono 40 milioni di bambini a rischio a causa dei bassi tassi di Vax

Questo mese il CDC e l’OMS hanno avvertito che 40 milioni di bambini in tutto …