I multivitaminici possono rallentare il declino cognitivo negli anziani, afferma uno studio

Condividi su PinterestI ricercatori affermano che l’assunzione giornaliera di un multivitaminico può aiutare a rallentare l’invecchiamento cognitivo. Fly View Productions/Getty ImagesI ricercatori affermano che un nuovo studio indica che l’assunzione giornaliera di un multivitaminico può aiutare a rallentare il declino cognitivo negli anziani.Hanno riferito, tuttavia, che gli integratori extra di cacao non sembravano migliorare le funzioni cognitive.Gli esperti affermano che c’è una certa validità nella teoria secondo cui le vitamine possono aiutare con la funzione cognitiva, ma aggiungono che altre terapie dovrebbero essere utilizzate insieme agli integratori.

Uno studio pubblicato oggi sulla rivista Alzheimer’s & Dementia riporta che l’assunzione di un multivitaminico quotidiano può aiutare a ridurre il declino cognitivo.

Lo studio ha coinvolto più di 2.200 persone sopra i 65 anni senza segni o diagnosi di malattia di Alzheimer all’inizio dello studio. Ad ogni partecipante è stato assegnato alla cieca un gruppo che prendeva:

MultivitaminicoIntegratori di estratti di cacaoIntegratori multivitaminici ed estratti di cacaoPlacebos

I partecipanti hanno deciso di assumere il supplemento ogni giorno per tre anni. Sono stati valutati annualmente per le funzioni cognitive, di memoria ed esecutive complessive.

I ricercatori hanno affermato che i benefici si sono stabilizzati alla fine del secondo anno. Alla fine dei due anni, coloro che hanno assunto il multivitaminico hanno mostrato un miglioramento della memoria e della funzione esecutiva rispetto agli altri gruppi. Il multivitaminico ha anche rallentato il declino cognitivo di circa il 60% o 1,8 anni.

“L’uso di un multivitaminico per i pazienti con perdita di memoria è qualcosa che faccio abitualmente nella mia pratica di neurologia”, ha detto a Healthline il dottor Clifford Segil, neurologo presso il Providence Saint John’s Health Center in California. “Questo studio è piacevole da leggere in quanto tenta di quantificare i potenziali benefici dei multivitaminici nei pazienti con perdita di memoria”.

I ricercatori hanno affermato di non aver notato alcun effetto significativo sulla cognizione dagli integratori di cacao.

Le carenze di B12 sono associate al declino cognitivo, secondo il National Institutes of Health.

Quindi, è possibile che coloro che sono stati aiutati abbiano ricevuto un beneficio dalla B12 piuttosto che dal multivitaminico.

Laura Baker, Ph.D., ricercatrice e professoressa di gerontologia e medicina geriatrica presso la Wake Forest School of Medicine nella Carolina del Nord, afferma che la questione della B12 è ancora una questione irrisolta.

“Dobbiamo ancora esaminarlo in modo più approfondito per capire se potrebbe essere un meccanismo di miglioramento. Penso che i risultati siano ancora fuori su quell’argomento”, ha detto in una nota.

Yvette A McFarlane, NP, specialista in medicina interna presso HYU Langone Medical Associates – West Palm Beach in Florida, è d’accordo.

“Di solito sono cauto nel formulare raccomandazioni generalizzate sull’uso di multivitaminici. Invece, il mio approccio si è concentrato su carenze misurabili, come la vitamina D o la B12″, ha detto a Healthline.

A circa il 10% dei partecipanti allo studio è stata diagnosticata una malattia cardiovascolare all’inizio dello studio. I ricercatori hanno affermato che avere malattie cardiovascolari può portare a un aumento del rischio di declino cognitivo.

Al basale, questi partecipanti hanno ottenuto un punteggio inferiore alla media. Coloro che hanno ricevuto un multivitaminico sono migliorati significativamente durante lo studio, con punteggi uguali a quelli senza malattie cardiovascolari all’inizio dello studio. I ricercatori hanno riferito che i partecipanti con malattie cardiovascolari che hanno ricevuto placebo hanno continuato a diminuire durante lo studio.

Sebbene i ricercatori abbiano menzionato miglioramenti nella funzione esecutiva, Segil esorta alla cautela.

“Come neurologo praticante, mi preoccupa il fatto che venga avanzata l’affermazione che un multivitaminico può migliorare la funzione esecutiva, poiché questa è un’affermazione che non è giustificata dai dati che ho esaminato per lo studio”, ha affermato.

I ricercatori dello studio hanno notato che i multivitaminici non dovrebbero essere un trattamento da soli, una posizione supportata da Segil.

“Secondo me l’uso di vitamine dovrebbe essere utilizzato insieme a farmaci approvati dalla FDA di lunga data come Aricept o Namenda, piuttosto che al posto di questi farmaci”, ha affermato.

Il trattamento del declino cognitivo richiede un approccio multimodale, ritiene McFarlane.

“Questo studio sottolinea diverse scuole di pensiero riguardo all’uso di multivitaminici non solo per la conservazione cognitiva, ma anche per l’umore, l’energia e la vitalità”, ha affermato. “Senza esitazione, sostengo un approccio più olistico che includa una dieta equilibrata, attività fisica, una buona igiene del sonno, salute/mantenimento preventivo e interazione sociale”.

È importante notare che Pfizer ha finanziato lo studio e ha fornito alcuni multivitaminici e Marte ha fornito l’estratto di cacao.

Tuttavia, alla voce “conflitti di interessi”, lo studio afferma: “Né il National Institutes of Health, Mars, né Pfizer hanno contribuito a qualsiasi aspetto dello studio, inclusi la progettazione e la conduzione dello studio; raccolta, gestione, analisi e interpretazione dei dati; preparazione, revisione o approvazione del manoscritto; o decisione di sottoporre il manoscritto per la pubblicazione. Gli autori non hanno interessi in competizione da segnalare”.

Controlla anche

Il farmaco dimagrante Semaglutide influisce sul sapore del cibo?

Condividi su Pinterest In rapporti recenti, le persone hanno descritto in modo aneddotico i cambiamenti …