Il modo migliore per calmare un bambino che piange può essere una passeggiata di 5 minuti

Condividi su PinterestUn nuovo studio suggerisce che il “movimento di trasporto”, o camminare con un bambino che piange, aiuta ad abbassare la frequenza cardiaca e la risposta alla paura. Studio Taurus/Stocksy UnitedUna nuova ricerca suggerisce che 5 minuti di camminata con un bambino che piange seguiti da 8 minuti di immobilità possono aiutare a indurre uno stato di calma.Si è scoperto che questo approccio rallenta la frequenza cardiaca del bambino e lo fa addormentare.Anche una maggiore durata del sonno prima di essere adagiato nel lettino ha ridotto le possibilità che il bambino si risvegli.

I genitori di un nuovo arrivato non sono estranei alle notti disturbate dal pianto.

Mentre innumerevoli libri e articoli sui genitori hanno delineato approcci per lenire i bambini che piangono, una nuova ricerca ha proposto un’altra opzione.

Uno studio condotto presso il RIKEN Center for Brain Science (CBS) a Wako, in Giappone e pubblicato sulla rivista Current Biology, ha suggerito che il modo migliore per impedire a un bambino di piangere non coinvolge gadget o abilità speciali.

Invece, i ricercatori affermano che i genitori dovrebbero portare il loro bambino mentre camminano per 5 minuti, quindi tenerlo fermo per 5-8 minuti prima di stenderlo di nuovo.

Per arrivare all’approccio di 5 minuti, gli scienziati hanno testato quattro metodi utilizzando 21 bambini che piangono di età compresa tra 2 settimane e 7 mesi. Questi metodi comportavano:

la madre che tiene il bambino mentre cammina la madre che tiene il bambino mentre è seduto

I ricercatori hanno scoperto che il pianto dei bambini si attenuava maggiormente quando venivano spostati, tra le braccia delle madri o in un lettino a dondolo.

Nel frattempo, per arrivare al lasso di tempo ottimale, ogni metodo è stato testato per durate diverse per vedere come differivano le risposte dei bambini.

Quasi la metà (46%) dei bambini dormiva entro 5 minuti dall’essere camminati e un altro 18% dormiva 1 minuto dopo.

Tuttavia, quando i bambini sono stati immediatamente adagiati nelle loro culle dopo essere stati calmati per addormentarsi camminando, oltre un terzo era sveglio entro 20 secondi. Il modo in cui sono stati deposti non ha influenzato il loro risveglio, il che ha sorpreso i ricercatori.

“Mi aspettavo che la lentezza e la delicatezza di sdraiarsi dei bambini addormentati [would] aumentare il tasso di successo, ma questa ipotesi non è stata supportata”, ha detto a Healthline il dottor Kumi Kuroda, PhD, ricercatore presso RIKEN CBS e coautore dello studio.

Ma quando i bambini addormentati venivano tenuti fermi più a lungo dopo essere stati spostati – 8 minuti rispetto a 3 minuti – erano molto più propensi a rimanere addormentati quando venivano messi nel lettino.

“I bambini hanno un riflesso di sussulto chiamato ‘riflesso Moro’, [which] viene attivato quando vengono abbassati “, Rosey Davidson, consulente per il sonno dei bambini a Londra, Regno Unito, e fondatrice e CEO di Just Chill Baby Sleep, ha condiviso con Healthline.

“Se riesci a metterli giù quando dormono profondamente, è meno probabile che ciò accada”.

I ricercatori hanno suggerito che il “movimento di trasporto” svolge un ruolo nel calmare i bambini che piangono.

Il movimento di trasporto è una risposta fisiologica riconosciuta in alcuni mammiferi, come cani e scimmie, e comporta un rallentamento della frequenza cardiaca del cucciolo di animale quando viene raccolto e trasportato.

Per lo studio giapponese, è stato utilizzato un elettrocardiogramma per monitorare la frequenza cardiaca dei bambini ed è stata trovata una risposta simile. La loro frequenza cardiaca è rallentata dopo essere stata camminata ed è aumentata quando si è allontanata dal corpo della madre.

“Sappiamo da molto tempo come specie che uno dei modi in cui possiamo lenire i nostri bambini include portarli”, il dottor David Berger, pediatra certificato dal consiglio di amministrazione a Tampa, FL, e proprietario di Wholistic Pediatrics & Family Care e la società di educazione sanitaria, DrDavidMD, ha spiegato a Healthline.

La spiegazione di ciò, secondo la dott.ssa Amy Baxter, CEO e chief medical officer di Pain Care Labs e medico pediatrico di emergenza ad Atlanta, GA, è che la transizione fuori dall’utero ha un impatto intenso sui bambini.

“Non stanno più sperimentando le fasce continue e i suoni di sottofondo di un altro essere umano”, ha condiviso il dottor Baxter con Healthline.

“Quando il sistema di sicurezza del cervello è in overdrive, si attiva l’amigdala, che provoca paura. Molto probabilmente ciò che sta accadendo è che i bambini sono abituati al camminare e al movimento della madre. Senza di esso, hanno una maggiore eccitazione – e questo è forse il motivo per cui ci vogliono 5 minuti [for] l’amigdala infantile per calmarsi.

Suggerimenti per provare la tecnica della camminata in 5 minuti

Il Dr. Kuroda ha condiviso la seguente guida per raggiungere il successo quando si utilizza la tecnica di deposizione a piedi:

Assicurati che il bambino sia tenuto vicino al corpo, tra le braccia o con un’imbracatura. I 5 minuti di cammino devono essere continui e senza brusche svolte o interruzioni. Tieni ferma la testa del bambino e assicurati che non si muova. Usa un orologio per tenere traccia del tempo piuttosto che fare affidamento su congetture. Non mettere in pausa la camminata per controllare se il bambino si sta appisolando. Se il bambino piange ancora dopo 5 minuti, puoi continuare a camminare per altri 5, ma fermarsi dopo 10 minuti in totale.

Può essere incredibilmente frustrante – e sconvolgente – per i genitori se non riescono a calmare il loro bambino.

“I bambini piangono di notte per tutta una serie di motivi”, ha detto Davidson. Potrebbe essere “perché sono affamati, bagnati, infreddoliti, accaldati, sofferenti o, a volte, solo perché vogliono essere vicini al loro caregiver”.

Mentre i ricercatori hanno scoperto che la tecnica della camminata di 5 minuti è vantaggiosa per molti bambini nello studio, il dott. Berger ha notato che “raramente esiste una soluzione valida per tutti”.

Se il movimento di trasporto non funziona per calmare il tuo bambino, ecco alcune altre tattiche che puoi provare.

Dai loro spazio

Davidson ha affermato che alcuni bambini richiedono spazio fisico e potrebbero trovare troppo stimolante tenersi e dondolarsi.

“Potresti scoprire che il tuo bambino ha bisogno di andare completamente sveglio nella sua culla dall’inizio della notte”, ha aggiunto. “In questo modo, sono consapevoli di dove si trovano quando si addormentano, il che può contribuire a una notte tranquilla”.

Crea rituali della buonanotte

Stabilire rituali della buonanotte per il tuo bambino può aiutare a migliorare i suoi sentimenti di calma e sicurezza.

“Potrebbe essere che li accarezzi per farli dormire nel loro spazio di sonno, canti per loro, tieni loro la mano o tieni la mano sulla loro pancia”, suggerì Davidson.

Riproduci rumore bianco

Proprio come alcuni adulti trovano che alcuni suoni aiutino a farli addormentare, lo stesso vale per i bambini.

“Il rumore bianco imita i suoni dell’utero e il sangue che scorre attraverso la placenta”, ha spiegato Davidson. “Può essere particolarmente calmante per i bambini”.

Trova il “punto debole” per dormire

Secondo Davidson, può essere utile anticipare quando i bambini sono stanchi, ma non troppo, per andare a letto.

“Vogliamo sistemarli di notte quando la pressione del sonno (la nostra spinta a dormire) è alta”, ha detto.

“Questo si accumula durante il giorno e raggiunge il suo apice prima di coricarsi. Non vogliamo tenerli svegli più a lungo di quanto non si sentano a loro agio; in caso contrario, possono essere più difficili da sistemare”.

Parla con un pediatra

Alcuni genitori potrebbero dover considerare se fattori legati alla salute potrebbero impedire al loro bambino di essere calmato.

“Il bambino potrebbe essere in fase di dentizione, avere reflusso o reagire negativamente a qualcosa [they were] nutrito”, ha detto il dottor Berger.

Se il tuo bambino continua a essere turbato, chiedi al pediatra di verificare eventuali problemi di fondo che potrebbero essere la causa.

I risultati della nuova ricerca offrono un nuovo approccio promettente per i genitori che cercano di calmare il pianto del loro bambino.

L’influenza positiva del movimento sulla frequenza cardiaca del bambino e sulla risposta alla paura potrebbe essere alla base dei livelli di successo della tecnica.

Tuttavia, il dottor Kuroda ha spiegato che è importante “essere consapevoli che l’efficacia del metodo è stocastica [random]e che il 20-30% dei bambini piange eccessivamente senza ragioni mediche”.

Sono necessarie ulteriori ricerche in questo campo, ha aggiunto. E sebbene il suo team abbia ipotizzato che la loro tecnica sarebbe stata efficace con diversi operatori sanitari (come un padre, un tutore o un nonno), questo deve ancora essere confermato.

Controlla anche

Le statine che abbassano il colesterolo possono ridurre il rischio di un tipo comune di ictus

Condividi su PinterestLe statine sono comunemente prese per mantenere livelli di colesterolo sani. Immagini GettyIl …