La salute mentale dei giovani negli Stati Uniti stava diminuendo molto prima del Covid-19

Condividi su Pinterest Una nuova ricerca mette in evidenza la crescente portata della crisi della salute mentale dei giovani negli Stati Uniti e come i genitori possono aiutare. Sally Anscombe/StocksyRicerche recenti suggeriscono che la salute mentale di bambini e adolescenti negli Stati Uniti è in declino.Sebbene la pandemia di COVID-19 abbia contribuito a questo declino, gli esperti affermano che la radice del problema esisteva prima dell’inizio dell’epidemia di coronavirus.Dal 2016 al 2021, l’utilizzo dei servizi di salute mentale da parte dei bambini di età compresa tra 1 e 19 anni è notevolmente aumentato, compreso un aumento del 20% delle visite al pronto soccorso e un aumento del 61% dei ricoveri ospedalieri.

Nell’ultimo decennio, i giovani hanno costantemente dovuto elaborare e rispondere alle richieste di un mondo sempre più stressante. Dalla pandemia di COVID-19 ai cambiamenti climatici all’instabilità politica ed economica, è stato un periodo in cui la salute mentale di bambini e adolescenti è stata particolarmente colpita da tempi complessi.

Ci sono stati diversi studi che si sono concentrati sullo stato di salute mentale dei giovani di oggi, sia negli Stati Uniti che in tutto il mondo.

Ora, un recente rapporto sta facendo luce sulle tendenze della salute mentale per bambini e adolescenti, facendo chiarezza sul fatto che molti di questi problemi (sebbene esacerbati dalla pandemia globale) erano presenti prima dell’emergere dell’epidemia di coronavirus e probabilmente continueranno essere un problema importante mentre si placa.

Gli esperti affermano che una ricerca come questa è importante nel fornire un percorso per educatori, responsabili politici, genitori e tutori allo stesso modo per fornire migliori sistemi di supporto e interventi per i giovani mentre affrontano le realtà che incidono sulla loro salute mentale oggi.

A settembre, il Clarify Health Institute ha pubblicato un nuovo rapporto intitolato “I bambini non stanno bene: utilizzo dell’assistenza sanitaria mentale pediatrica dal 2016 al 2021”.

Offre una visione d’insieme di dove si trovano i bambini di oggi con la loro salute mentale e fornisce alcuni indizi su ciò che è ancora necessario fare per soddisfare i loro bisogni.

L’istituto fa parte di Clarify Health, una società di analisi cloud e piattaforma di pagamenti basati sul valore, e ha messo in atto questa ricerca a seguito di un rapporto del 2020 dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) che ha indicato l’impatto negativo che la pandemia ha avuto sui bambini statunitensi salute mentale generale.

I dati di Clarify Health provengono da un campione nazionale di dati sui sinistri che proviene da oltre 20 milioni di bambini e adolescenti americani da 1 a 19 anni, tra il 2016 e il 2021.

Tra i risultati, l’uso dei servizi di salute mentale è balzato in questi anni. Ad esempio, le visite al pronto soccorso per questi giovani sono aumentate del 20%, mentre i ricoveri ospedalieri sono aumentati del 61%.

Analizzando le differenze demografiche tra le diverse popolazioni di giovani, i dati rivelano che i ricoveri ospedalieri sono aumentati del 64% per le ragazze e del 68% per i ragazzi dai 12 ai 15 anni. Era solo il 7% per i ragazzi tra 1 e 11 anni.

Dopo l’emergere della pandemia, i dati hanno mostrato che nell’anno 2021, l’utilizzo dei servizi di salute mentale per le ragazze di età compresa tra 12 e 15 anni era 2,5 volte superiore rispetto ai loro coetanei maschi della stessa fascia di età.

Come con altri studi sulla salute mentale, le disparità in chi ha accesso alle migliori cure spesso determinano esiti negativi per la salute. Ad esempio, i ricoveri ospedalieri per bambini con problemi di salute mentale sono aumentati del 103% tra coloro che erano assicurati commercialmente, mentre sono aumentati del 40% tra quelli coperti da Medicaid.

Il rapporto ha anche mostrato che le visite al pronto soccorso effettuate da bambini con problemi di salute mentale sono diminuite del 10% per coloro che erano assicurati commercialmente. In confronto, è aumentato del 20% in quelli coperti da Medicaid.

Hanno anche scoperto che le tariffe del pronto soccorso nell’anno 2021 erano “quasi il doppio nella popolazione Medicaid” rispetto ai “bambini con assicurazione commerciale”, secondo un comunicato stampa.

Niall Brennan, Chief Analytics and Privacy Officer di Clarify, che ha guidato questa ricerca, ha detto a Healthline che questi dati si adattano bene ad altre recenti discussioni che hanno circondato la salute mentale in generale, così come la salute mentale dei bambini, in particolare, negli ultimi anni.

Brennan ha affermato che il rapporto è uno sguardo importante alla cruda realtà dei problemi di salute mentale che circondano i giovani della nazione, sfruttando l’analisi dei big data per dipingere una questione centrale che interessa la nostra società.

Ha detto che è stato scoraggiante vedere la “scala degli aumenti” nell’utilizzo dei servizi di salute mentale in quel periodo di cinque anni. Particolarmente sorprendente è stato proprio “quanto pronunciati” fossero gli aumenti tra i bambini nella prima adolescenza, in particolare le ragazze.

Quando è stato chiesto di distillare ciò che questa ricerca dice su dove siamo oggi con la salute mentale dei giovani, Brennan ha spiegato che stiamo vivendo in un’epoca in cui vengono poste grandi richieste ai bambini, il che può essere fonte di confusione e disorientamento per loro.

“Penso che ciò dimostri che è difficile essere un bambino in questo momento”, ha aggiunto Brennan. “Social media, pandemia, paura esistenziale per il cambiamento climatico, disfunzioni politiche: l’elenco potrebbe continuare all’infinito”.

Una ricerca come quella pubblicata da Clarify Health suggerisce che la salute mentale dei giovani americani è in declino. Dovrebbe essere un grande avvertimento per gli adulti, sia per coloro che fanno parte della vita di questi giovani, sia per i leader politici che sono in grado di plasmarli a livello macro.

“Uno dei maggiori problemi è che i giovani non ricevono il trattamento di salute mentale di cui hanno bisogno all’inizio. Questa mancanza di un intervento precoce significa che la salute mentale continua a peggiorare fino a quando un giovane non finisce al pronto soccorso o in un’unità di degenza psichiatrica”, ha affermato il dottor Jack Turban, assistente professore di psichiatria infantile e adolescenziale presso l’Università della California di San Francisco e Facoltà di affiliazione presso il Philip R. Lee Institute for Health Policy Studies.

Turban, che non era affiliato al recente rapporto, ha detto a Healthline che attualmente abbiamo una “grande carenza di fornitori di salute mentale pediatrica”.

“A peggiorare le cose, i bassi tassi di rimborso da parte delle compagnie assicurative per il trattamento della salute mentale significano che molti dei fornitori disponibili non prendono l’assicurazione. L’assistenza sanitaria mentale pediatrica non è accessibile senza l’uso dell’assicurazione, il che significa che molti vanno senza cure”, ha detto Turban.

Ha sottolineato che è fin troppo comune sentire dalle famiglie di questi giovani che spesso chiamano “tutti i fornitori di salute mentale pediatrici elencati in rete” nell’ambito del loro piano assicurativo, solo per sentirsi dire che nessuno di loro sta assumendo nuovi pazienti.

Turban ha affermato che questo è un problema noto come “reti fantasma”, elenchi di fornitori imprecisi che non riescono a collegare le persone alle cure di cui hanno bisogno.

Il grande elefante nella stanza dei fattori che contribuiscono alle persone che non ricevono cure è stata la pandemia in corso. Al suo apice nel 2020, la pandemia ha portato a un “utilizzo dell’assistenza sanitaria mentale che è effettivamente diminuito”, in parte a causa del fatto che molte persone avevano paura di cercare o scoraggiavano dal ricevere cure di persona, ha affermato Brennan.

Mentre i servizi di telemedicina hanno sicuramente portato molti fornitori direttamente nei soggiorni delle persone durante i blocchi pandemici, c’è stato comunque un calo delle persone che utilizzano i servizi sanitari in generale. Ciò era particolarmente vero per coloro che avevano meno accesso alla tecnologia o che non possedevano i mezzi finanziari o la copertura assicurativa per usufruire di tali offerte.

“La mancanza di accesso alle cure era un grave problema prima della pandemia ed è peggiorato solo dopo l’inizio della pandemia e abbiamo visto tassi di problemi di salute mentale in rapido aumento tra bambini e adolescenti”, ha affermato Turban. “Il sistema era già sovraccaricato e la pandemia lo ha spinto ancora oltre il limite”.

Osservando dati come questi, esiste una tabella di marcia per capire come migliorare un sistema che non sembra soddisfare adeguatamente i bisogni di salute mentale dei giovani americani?

“Lo penso [the report] deve fungere da invito all’azione”, ha spiegato Brennan.

Ha affermato che il fatto che l’utilizzo acuto dell’assistenza sanitaria mentale tra bambini e adolescenti sia stato così elevato negli ultimi anni, messo a confronto con la realtà che c’è stato questo aumento delle visite ambulatoriali, “indica un urgente bisogno di una maggiore disponibilità di professionisti della salute mentale al di fuori dei tradizionali ‘orario di ufficio.’ ”

Brennan ha affermato che dobbiamo anche assistere a più screening per la diagnosi precoce (e più screening per la salute mentale in generale, se è per questo) per rispondere meglio alla domanda e anche mettere in atto misure preventive per aiutare le persone più a rischio di esiti negativi per la salute mentale.

“In definitiva, penso che per i bambini che stanno lottando con questi problemi, sia molto meglio intervenire presto, per fornire un ecosistema sanitario che, se possibile, possa negare quel viaggio delle 23:00 in un pronto soccorso o in un ospedale”, ha aggiunto Brennan.

Queste realtà molto probabilmente stanno “aumentando i fattori di stress” che questi bambini stanno già vivendo oggi.

Turban ha aggiunto che, di recente, l’American Academy of Pediatrics e l’American Academy of Child & Adolescent Psychiatry hanno dichiarato un’emergenza nazionale per la salute mentale pediatrica.

“Hanno invitato i responsabili politici ad attuare politiche pubbliche basate sull’evidenza per affrontare il problema. Sebbene siano stati compiuti alcuni progressi, c’è ancora molta strada da fare”, ha affermato.

Evidenziando meglio tutte queste preoccupazioni attraverso la ricerca e l’advocacy, gli adulti più presenti nella vita dei bambini possono aiutarli meglio.

Turban ha affermato che è importante che genitori e tutori comprendano i problemi di salute mentale che i bambini negli Stati Uniti devono affrontare oggi.

È importante che facciano il possibile per fornire supporto e guida e collegare questi ragazzi alle risorse necessarie.

Certo, può essere un compito arduo: sapere come supportare al meglio un bambino che affronta problemi di salute mentale.

“Ci sono molte piccole cose che gli adulti possono fare per promuovere la salute mentale di bambini e adolescenti. In primo luogo, possono lavorare per normalizzare parlando di emozioni e salute mentale, mentre lavorano per combattere lo stigma che circonda la malattia mentale”, ha spiegato Turban. “Avere un adulto premuroso che convalida le emozioni e i modelli di un giovane apre conversazioni sulle emozioni e sulle sfide della salute mentale può fare molto”.

L’American Academy of Child & Adolescent Psychiatry ha una raccolta di “Fatti per le famiglie” per aiutare con sfide specifiche mentre lavora per accedere all’aiuto professionale.

Controlla anche

Il farmaco dimagrante Semaglutide influisce sul sapore del cibo?

Condividi su Pinterest In rapporti recenti, le persone hanno descritto in modo aneddotico i cambiamenti …