Mourinho, tecnico della Roma, contento della vittoria: l’Empoli di Zanetti ci ha spinto fino in fondo

L’allenatore della Roma Jose Mourinho era soddisfatto della vittoria sull’Empoli lunedì sera.

Tammy Abraham e Paulo Dybala hanno segnato per la Roma nella vittoria per 2-1.

Su Abraham, Mourinho ha detto: “Deve farlo. Deve scendere in profondità quando la squadra ha bisogno di lui. Forse può lottare di più mentalmente per farlo, ma questa è anche la missione.

“Devo dire che fare gol contro Vicario è stato difficile, sembrava il miglior portiere del mondo”.

Ha proseguito: “Potevamo vincere in un altro modo, con più tranquillità. Se fossimo stati in vantaggio per 3-1 avremmo potuto farcela meglio prima di giovedì. Ma l’importante è vincere ancora.

Abbiamo sofferto, sette minuti di recupero per una squadra che vince sono tanti ma ce la siamo cavata bene.

Voglio fare i complimenti a Zanetti perché la sua Empoli è stata dura da affrontare, ma alla fine abbiamo meritato la vittoria”.

Del loro lento avvio di stagione, Mourinho ha anche detto: “La corsa a punti non è un problema. Ovviamente l’Udinese è una partita tosta fuori casa, puntavamo a fare punti e non ci siamo riusciti. Tutte le partite sono dure, anche qui rischiavamo di perdere due punti.

“A livello di gioco siamo una squadra con tante difficoltà che non ci aspettavamo. Se perdiamo giocatori siamo nei guai. Colgo l’occasione per ringraziare Zaniolo, per il suo impegno per essere qui. Prima del secondo gol era pronto a scendere in campo per aiutare la squadra e senza di lui è diverso.

“Wijnaldum è stato un giocatore chiave per noi e si è infortunato. Cristante e Matic sono due grandi giocatori ma per la nostra idea di gioco non è facile farli giocare insieme. Poi con gli infortuni di Zalewski e Karsdorp siamo scoperti sulle fasce.

“Ci sono difficoltà, tra due giorni abbiamo una partita da vincere e in quattro l’Atalanta che non gioca in coppa.

“Sono difficoltà che le squadre più piccole non hanno e possono prepararsi a queste partite con un potenziale diverso. Ma preferisco avere le difficoltà ma stare nel bel mezzo delle competizioni e giocare giovedì”.

Controlla anche

Il capo del Tottenham, Paratici, protagonista dell’inchiesta della procura di Torino sulla Juventus

La Procura della Repubblica di Torino ha mosso accuse al direttore sportivo del Tottenham Fabio …