Overdose mortali legate a oppioidi sintetici chiamati nitazeni

Un tipo di oppioide sintetico sta aumentando portando a morti per overdose, secondo un nuovo rapporto del CDC. Conosciuti come nitazeni, questi oppioidi sono stati sviluppati più di 60 anni fa come potenziali farmaci antidolorifici.Non sono mai stati approvati per l’uso clinico negli Stati Uniti.

I decessi per overdose legati a un potente gruppo di oppioidi sintetici illegali sono aumentati più di quattro volte in Tennessee tra il 2020 e il 2021, secondo il Dipartimento della salute dello stato.

Tuttavia, “questo numero potrebbe essere sottovalutato a causa della bassa frequenza dei test”, l’epidemiologa statale del Tennessee Jessica Korona-Bailey, MPH, e i suoi colleghi hanno scritto il 16 settembre su Morbidity and Mortality Weekly Report (MMWR), la rivista dei Centers for Disease Controllo e prevenzione (CDC).

Conosciuti come nitazeni, questi oppioidi sono stati sviluppati più di 60 anni fa come potenziali farmaci antidolorifici, ma non sono mai stati approvati per l’uso clinico negli Stati Uniti.

Test di laboratorio mostrano che la potenza di diversi tipi di nitazeni supera quella dell’oppioide sintetico fentanil fino a 10 volte, mentre alcuni analoghi del nitazene hanno una potenza simile a quella del fentanil.

Il fentanil è da 50 a 100 volte più forte della morfina.

Il numero esatto di decessi per overdose negli Stati Uniti che coinvolgono il nitazene è sconosciuto, hanno affermato Korona-Bailey e i suoi colleghi, in parte perché i pannelli tossicologici standard non sempre testano questi farmaci.

Un esperto del Center for Forensic Science Research and Education stima che i nitazeni abbiano rappresentato circa il 5% delle overdose mortali nel paese l’anno scorso, riferisce The Hill.

I decessi complessivi per overdose di droga negli Stati Uniti hanno superato i 100.000 durante il periodo di 12 mesi terminato ad aprile 2021, mostra i dati preliminari del CDC.

I laboratori forensi hanno rilevato la presenza di nitazeni in Florida, Ohio, Distretto di Columbia e altre parti del paese.

Nel Tennessee, Korona-Bailey e i suoi colleghi hanno utilizzato i dati dei certificati di morte statali e i rapporti tossicologici per i decessi per identificare le overdose fatali di droga che coinvolgono il nitazene, mostrando un aumento da 10 nel 2020 a 42 nel 2021.

Tutti questi casi riguardavano più sostanze, hanno scoperto che l’iniezione era la via di somministrazione più frequente.

Molti di questi casi si sono verificati nella contea di Knox, che invia campioni di sangue per ulteriori test di laboratorio alla Drug Enforcement Agency (DEA). Quindi i numeri in altre contee potrebbero essere sottostimati, hanno detto i ricercatori.

Il dottor Lawrence Weinstein, direttore medico degli American Addiction Centers, ha affermato che questo modello di sottostima dei decessi per overdose da nitazene potrebbe verificarsi in tutto il paese.

“Se si verificasse un aumento così significativo nella contea di Knox, nel Tennessee, una contea con una popolazione inferiore a 500.000 abitanti, saremmo negligenti nel credere che le contee e le aree metropolitane più grandi non avrebbero registrato aumenti ancora maggiori se i nitazeni fossero stati una parte standard dei programmi di test ,” Egli ha detto.

Inoltre, il fatto che la maggior parte di questi decessi abbia coinvolto più di una sostanza suggerisce che “è molto probabile che coloro che hanno iniettato, ingerito o annusato una sostanza contenente nitazeni fossero completamente ignari della sua presenza”, ha affermato.

Questo accade anche con il fentanil – che è forte ed economico da produrre – con le persone che producono droghe illegali che aggiungono il fentanil all’eroina, alla cocaina, alle metanfetamine e ad altre droghe.

Molte volte, anche la persona che fornisce la sostanza non avrà idea che il farmaco sia intrecciato con fentanil o un altro oppioide sintetico, ha detto Weinstein.

Di conseguenza, “si verificano morti per overdose tra le persone che prendono una pillola data loro da un amico o ottenuta tramite i social media, senza sapere che stanno commettendo un errore fatale”, ha detto.

I dati del Tennessee mostrano anche che solo 12 delle persone che hanno avuto un sovradosaggio fatale da nitazene hanno ricevuto naloxone (Narcan), un farmaco da prescrizione usato per trattare il sovradosaggio di oppioidi.

È stato dimostrato che questo farmaco funziona in persone che hanno assunto un’overdose di alcuni tipi di nitazeni, sebbene possano essere necessarie dosi più elevate di naloxone per ripristinare la respirazione.

“Data l’efficacia del naloxone nella prevenzione di sovradosaggi fatali, è importante una somministrazione più frequente di naloxone da parte dei primi soccorritori, astanti e medici”, hanno affermato Korona-Bailey e i suoi colleghi.

Un sovradosaggio da oppiacei è pericoloso per la vita e richiede cure mediche immediate. I segni che una persona potrebbe avere un sovradosaggio includono:

Il loro viso è estremamente pallido e/o viscido al tattoIl loro corpo si affloscia Le unghie o le labbra hanno un colore viola o bluCominciano a vomitare o emettono gorgogliiNon possono essere svegliati o non sono in grado di parlareIl loro respiro o battito cardiaco rallenta o si ferma

I dati del dipartimento sanitario del Tennessee non indicano se qualcuno dei decessi per overdose che coinvolgono i nitazeni si sia verificato nei giovani.

Ma la ricerca dello specialista in medicina delle dipendenze Dr. O. Trent Hall e dei suoi colleghi mostra che altri oppioidi sintetici, incluso il fentanil, hanno un impatto negativo sugli adolescenti.

In uno studio pubblicato online il 9 settembre sul Journal of Adolescent Health, hanno scoperto che gli “anni di vita persi” tra i giovani di età compresa tra 10 e 19 anni sono aumentati del 113% durante il primo anno della pandemia di COVID-19, rispetto al anno prima.

“Vedere quell’enorme salto durante il primo anno della pandemia è stato uno shock incredibile”, ha detto Hall, un assistente professore di psichiatria e salute comportamentale presso il Wexner Medical Center della Ohio State University a Columbus, Ohio.

Gli anni di vita persi, o mortalità eccessiva, sono la differenza tra l’età in cui una persona muore e gli anni di vita rimanenti previsti.

Nel 2020, quattro quinti dei 1.391 decessi per overdose tra i giovani riguardavano fentanil o altri oppioidi sintetici (diversi dal metadone), hanno scoperto Hall e i suoi colleghi.

Mentre i giovani tra i 35 ei 44 anni negli Stati Uniti hanno i tassi più alti di decessi per overdose, secondo il CDC, gli adolescenti sono particolarmente a rischio dall’uso di droghe illegali.

“Sappiamo che la dipendenza è una condizione di salute cronica che spesso inizia nell’adolescenza. Sappiamo anche che gli adolescenti sono in una fase in cui molti sono coinvolti in comportamenti a rischio”, ha affermato Hall.

Ma «nell’era del fentanil, solo una singola sperimentazione [with an illegal drug] può essere mortale”, ha detto.

Per aiutare a ridurre i decessi per overdose di droga tra i giovani, Hall ha affermato che il paese deve fare un lavoro migliore nello screening degli adolescenti per il rischio di consumo di sostanze e nel fornire un trattamento efficace a coloro che hanno già un disturbo da uso di sostanze.

Inoltre, “dobbiamo coinvolgere gli adolescenti con messaggi di salute pubblica efficaci che trasmettano correttamente il grave rischio del fentanil”, ha affermato, incluso “che potrebbe essere mascherato da un altro farmaco”.

Controlla anche

Le donne più giovani affrontano il 52% in più di rischio di diabete di tipo 2 dopo l’isterectomia

Condividi su PinterestUn ampio studio suggerisce che le donne sottoposte a isterectomia corrono un rischio …