Per neonati e bambini piccoli con eczema questo trattamento può ridurre i sintomi del 75%

Un nuovo studio ha scoperto che un farmaco biologico sta mostrando risultati promettenti nel ridurre i segni ei sintomi dell’eczema nei neonati e nei bambini piccoli fino al 75%. Il trattamento su prescrizione per i bambini con eczema di solito include farmaci topici, fototerapia, farmaci immunosoppressori e prodotti biologici.L’eczema, o dermatite atopica, è una condizione cronica che provoca pelle secca, pruriginosa e infiammata.

L’eczema è una condizione scomoda, indipendentemente dalla tua età. La condizione provoca pelle secca, pruriginosa e infiammata. Ma l’eczema nei bambini può essere ancora più insopportabile perché i sintomi spiacevoli possono portare a frequenti graffi, piaghe e notti insonni.

Tuttavia, un nuovo studio pubblicato questo mese su The Lancet ha trovato nuove prove su come aiutare i bambini piccoli con l’eczema. Lo studio è stato progettato per monitorare il trattamento dell’eczema da moderato a grave nei neonati e nei bambini di età compresa tra sei mesi e cinque anni con un farmaco biologico e ha trovato risultati promettenti nella riduzione dei segni e dei sintomi fino al 75%.

“Questo studio ha mostrato grandi dati sulla sicurezza nei bambini di età inferiore ai sei anni, che era il pezzo mancante del puzzle nel portare questo farmaco ai pazienti più giovani che soffrono di eczema”, ha affermato la dott.ssa Irene Mikhail, medico pediatrico di allergia e immunologia presso Ospedale pediatrico nazionale a Columbus, Ohio. “Sono stato entusiasta di vedere lo studio con adulti così promettenti”.

Lo studio di fase III, condotto dalla Northwestern Medicine di Chicago, Illinois, ha coinvolto un ciclo di 16 settimane di dupilumab (Dupixent), un farmaco che prende di mira una via immunitaria nelle allergie. Si tratta di uno dei primi studi su larga scala, randomizzati e controllati con placebo di un anticorpo monoclonale in una malattia della pelle in bambini di appena sei mesi e lo studio ha incluso 31 siti in Europa e Nord America.

Il trattamento con prescrizione di solito include farmaci topici, fototerapia, farmaci immunosoppressori e prodotti biologici. I biologici sono proteine ​​geneticamente modificate che agiscono per colpire parti specifiche del sistema immunitario che contribuiscono alle malattie infiammatorie. Dupilumab, o Dupixent, ad esempio, è il primo farmaco biologico approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) per essere utilizzato dai bambini dai sei anni in su.

Questo studio, tuttavia, è stato testato su neonati e bambini di età compresa tra sei mesi e cinque anni, che è uno dei primi nel suo genere ad essere testato. Il farmaco è già disponibile per adulti, adolescenti e bambini in età scolare, ma doveva ancora essere testato su quelli sotto i cinque anni.

Su quelli testati, è stato dimostrato che riduce i sintomi fino al 75% e i bambini dormivano tutta la notte, molti per la prima volta.

Come ulteriore vantaggio, il farmaco si è dimostrato efficace anche nel trattamento dell’asma, dei sintomi gastrointestinali delle allergie, ma non è stato ancora approvato per questi sintomi nei bambini.

“Con qualsiasi farmaco più recente, vogliamo sempre seguire lo sviluppo di qualsiasi nuova informazione, in particolare i dati sulla sicurezza a lungo termine”, ha aggiunto Mikhail. “Tuttavia, il fatto che questo farmaco sia stato usato con successo nei bambini più grandi con eczema per due anni mi rassicura”.

L’eczema, o dermatite atopica, è una condizione cronica che provoca pelle secca, pruriginosa e infiammata.

PruritoSecchezza, pelle sensibileEruzione cutanea sulla pelle gonfiaPiccole protuberanze in rilievo sulla pelle marrone o neraTrasudante e crostePelle ispessita

La condizione spesso inizia in giovane età, prima dei cinque anni, e può durare fino all’età adulta. Secondo la National Eczema Association, 31,6 milioni di persone negli Stati Uniti hanno una qualche forma di eczema. Circa 9,6 milioni di bambini di età inferiore ai 18 anni hanno l’eczema e un terzo di questi ha una condizione da moderata a grave.

L’eczema è una condizione scomoda per chiunque, ma è particolarmente scomoda per i corpi giovani e sensibili dei bambini. A volte il prurito può essere così grave da interrompere il sonno di un bambino, che, a sua volta, ha effetti collaterali negativi come uno scarso sviluppo neurocognitivo.

“L’esordio della malattia si verifica nei primi cinque anni di vita nell’85-90% delle persone colpite”, ha affermato la dott.ssa Rebecca Fisk, ospedaliera pediatrica presso il Lenox Hill Hospital di New York. “Nell’eczema da moderato a grave, il prurito può disturbare molto il sonno e le attività e quindi può influenzare lo sviluppo neurocognitivo, come gli effetti della personalità e l’irritabilità”.

Secondo la National Eczema Association, non esiste un unico trattamento per l’eczema nei bambini e si tratta principalmente di scoprire quale trattamento funziona meglio per i sintomi del bambino. Trattamenti comuni includono bagni con un detergente delicato, bagni idratanti, candeggina per ridurre l’infiammazione, terapia con impacchi umidi, rimedi da banco come corticosteroidi delicati o vaselina e trattamenti prescritti.

“Dupilumab agisce per calmare un sistema immunitario iperattivo, ma non sopprime il sistema immunitario. Il farmaco è stato molto efficace nel ridurre i segni e i sintomi dell’eczema da moderato a grave”, ha affermato Fisk. “L’uso di dupilumab per il trattamento dell’eczema da moderato a grave nei bambini di appena sei mesi è molto incoraggiante, poiché molti bambini che sviluppano la dermatite atopica in così giovane età sono a rischio di sviluppare un secondo disturbo allergico, come l’asma o allergia alimentare. L’efficacia del farmaco nel calmare il prurito, che provoca un impatto significativo sulla qualità della vita e del sonno del neonato/bambino e dei genitori, è fondamentale nel trattamento di questa condizione cronica”.

Controlla anche

Le donne più giovani affrontano il 52% in più di rischio di diabete di tipo 2 dopo l’isterectomia

Condividi su PinterestUn ampio studio suggerisce che le donne sottoposte a isterectomia corrono un rischio …