Quale futuro per Thomas Tuchel? Valutare il nuovo club ideale per l’ex allenatore del Chelsea

Burnley-Chelsea – Premier League

La decisione del Chelsea di licenziare Thomas Tuchel è stata una grande sorpresa nonostante il loro inizio di stagione poco brillante.

La squadra del West London si è separata dall’allenatore tedesco dopo la sconfitta per 1-0 per mano della Dinamo Zagabria. Tuttavia, si ritiene che il licenziamento non sia stato del tutto motivato dal cattivo stato di forma che il club ha subito dall’inizio della stagione.

Il Chelsea ha speso oltre 300 milioni di euro nella finestra di mercato estiva conclusa di recente, ma Tuchel non è stato molto soddisfatto delle modifiche al modello di reclutamento del club sotto Todd Boehly.

Inoltre, secondo BILD, c’è stato un disaccordo tra Tuchel e Boehly su una potenziale mossa per Cristiano Ronaldo. L’uomo d’affari americano desiderava ingaggiare la superstar portoghese, ma l’ex allenatore del Chelsea era contrario all’idea e pensava che Ronaldo avrebbe “distrutto lo spirito” nello spogliatoio.

Il Chelsea si è mosso rapidamente per trovare un nuovo uomo che prendesse il timone e ha nominato Graham Potter. L’inglese è stato uno dei migliori allenatori della Premier League nelle ultime due stagioni.

Ancora più importante, ci sono somiglianze stilistiche tra i due manager. Entrambi preferiscono i tre terzini per muovere la palla e attirare la stampa avversaria prima di sfruttare lo spazio alle loro spalle con i terzini. In quanto tale, il trasferimento di Marc Cucurella dal Brighton al Chelsea aveva senso nonostante il suo enorme prezzo.

Tuchel, nel frattempo, ha anche molto credito in banca grazie al suo lavoro impeccabile a Stamford Bridge. Il 49enne ha vinto tre trofei, inclusa la Champions League, in meno di due stagioni con i Blues.

Mentre il suo curriculum è adatto a gestire molti dei migliori club europei, è importante che la sua prossima destinazione possieda già un numero elevato di giocatori in grado di tradurre le sue idee tattiche in una breve inversione di tendenza.

Juve potrebbe essere il punto di atterraggio perfetto per Tuchel

Il lavoro di Massimiliano Allegri a Torino sembra al momento sicuro. Ma c’è malcontento tra i fan per le prestazioni e i risultati deludenti della Vecchia Signora finora in questa stagione. La Juventus è stata giocata fuori dal parco dal PSG nell’esordio di Champions League e si ritrova settima in classifica dopo cinque partite.

Le richieste di cambio manageriale si amplificheranno se Allegri fatica a cambiare le sorti della sua squadra. Se la gerarchia della Juve decide di asciare Allegri, non dovrebbe guardare oltre Tuchel.

In primo luogo, non sarà necessaria una revisione all’Allianz Stadium se decideranno di sostituire Allegri con Tuchel a causa dell’utilizzo di formazioni identiche da parte di entrambi i dirigenti.

I difensori centrali della Juventus Gleison Bremer e Leonardo Bonucci hanno abbastanza esperienza nel giocare in un sistema a tre e sono entrambi a proprio agio nel far circolare la palla nel proprio terzo difensivo prima di spostarla in avanti con precisi lanci lunghi.

Filip Kostic e Juan Cuadrado sono terzini su misura per Tuchel. Il duo può fornire larghezza e cross iniziali e sono anche in grado di andare direttamente e scuotere la rete da soli. Non evitano nemmeno i compiti difensivi.

Tuchel si riunirà anche con gli ex centrocampisti del PSG Leandro Paredes e Adrien Rabiot se si trasferirà a Torino.

La capacità di Jorginho di ricevere la palla da una posizione ristretta prima di attirare gli avversari e trovare compagni di squadra nello spazio è stata la chiave per la serie vincente del Chelsea in Champions League. Manuel Locatelli, che è visto come il sostituto a lungo termine di Jorginho nella nazionale italiana, ha caratteristiche simili in possesso palla per replicare il ruolo del centrocampista del Chelsea nella configurazione di Tuchel.

L’interesse del Chelsea per Frenkie de Jong durante la finestra di mercato estiva era dovuto alla richiesta dell’allenatore di un centrocampista in grado di portare la palla in avanti. Paul Pogba ha anche ampiamente dimostrato durante la sua carriera quanto sia bravo a superare i difensori.

Juventus – Spezia Calcio – Serie A

La Juventus ha a disposizione uno dei migliori attaccanti, Dušan Vlahović, che ha il ritmo e la finitura d’élite per arrivare dietro l’ultima linea, come Pierre-Emerick Aubameyang.

Ángel Di María è un altro volto noto con cui l’allenatore potrebbe riallacciarsi se diventasse allenatore della Juve. L’argentino è stato uno dei suoi creatori più affidabili nella capitale francese e ha ancora le gambe per fare la differenza in Serie A.

Per ora resta una possibilità inverosimile, ma Juventus e Tuchel potrebbero essere un connubio perfetto. L’ex giocatore di Borussia Dortmund, PSG e Chelsea è l’allenatore perfetto per riportare i giganti italiani ad essere contendenti al titolo senza la necessità di un ampio strappo alla rosa.

Prossimamente!

Controlla anche

Moise Kean vince il premio Giocatore del mese di Serie A di novembre

La stella della Juventus Moise Kean è stata premiata come Giocatore del mese di Serie …