Test sugli animali: perché la FDA sta esplorando più alternative

Condividi su PinterestLa FDA sta adottando misure per allontanarsi dai test sugli animali e gli esperti affermano che ciò potrebbe portare allo sviluppo di farmaci più efficaci per le persone. Getty ImagesLa FDA si sta allontanando dai test sugli animali e sta prendendo in considerazione una serie di alternativeLe alternative includono la tecnologia organ-on-a-chip, le colture cellulari e la modellazione matematicaLa FDA ha chiesto 5 milioni di dollari al governo per finanziare il suo non animale iniziativa sui metodi

Quando vengono presentati i farmaci, pochi di noi considerano il percorso che quei farmaci hanno intrapreso dal laboratorio ai nostri armadietti dei medicinali. Tuttavia, secondo l’American Chemical Society, sono in corso cambiamenti nel modo in cui vengono sviluppati i farmaci.

La Food and Drug Administration (FDA) sta riesaminando la sua decisione di utilizzare metodi di sperimentazione animale nello sviluppo di farmaci.

Sotto la giurisdizione della FDA, la sperimentazione animale è richiesta per farmaci, vaccini e altri prodotti biologici per l’uomo. La maggior parte dei farmaci sarà sottoposta a test preclinici sugli animali. Quindi, vengono presentati i risultati dei test preclinici insieme a proposte su come testare il farmaco sull’uomo.

In questa fase, la FDA deciderà se andare avanti con i test del farmaco sugli esseri umani.

Tuttavia, la FDA sta ora valutando tecnologie che non prevedono l’uso di animali. Quindi, perché stanno riesaminando questo requisito ora e cosa potrebbe significare questo per il modo in cui i farmaci verranno testati in futuro?

La decisione segue i progressi nei metodi di test alternativi e le discussioni sulle preoccupazioni etiche.

“Questa decisione potrebbe essere stata presa a causa della crescente pressione di gruppi per i diritti degli animali, scienziati e legislatori”, afferma Abbas Kanani, sovrintendente farmacista presso la farmacia online Chemist Click.

“Alcune preoccupazioni etiche includono i processi utilizzati nei test che a volte possono portare a una riduzione del numero di animali, discrepanze nel mantenimento dell’equilibrio tra la sofferenza degli animali e il beneficio generale per l’uomo, nonché il rispetto generale per gli animali dignità”, spiega.

Etica a parte, i test sugli animali potrebbero non essere il modo più efficace per testare farmaci destinati agli esseri umani.

“Molti farmaci che funzionano bene nei topi, non sono necessariamente efficaci negli esseri umani. In definitiva, questo è dovuto all’anatomia e alla fisiologia molto diverse”, spiega Kanani.

L’aumento dei costi di sviluppo dei farmaci è un altro problema. Oltre a sollevare preoccupazioni etiche e domande sull’efficacia, Celean Camp, CEO di FRAME, un ente di beneficenza che ricerca alternative scientifiche alla sperimentazione animale, suggerisce che la sperimentazione animale non è conveniente.

“Il costo corretto per l’inflazione dello sviluppo di farmaci è aumentato di quasi 80 volte tra il 1950 e il 2010”, afferma.

“C’è un’evidente necessità di razionalizzare e aumentare l’efficienza della pipeline di sviluppo dei farmaci. Ciò aiuterebbe ad aumentare il numero di farmaci efficaci che raggiungono il mercato e ridurre lo spreco di fondi e la vita degli animali”.

La decisione di abbandonare la sperimentazione animale pone una domanda ovvia: cosa la sostituirebbe? Esistono numerose alternative alla sperimentazione animale.

“Una delle alternative più note è la tecnologia organ-on-a-chip che mette le cellule umane in un piccolo chip per imitare le risposte di un organo umano”, spiega Camp.

“Il fatto che la FDA abbia concesso al Wyss Institute finanziamenti per la tecnologia organ-on-a-chip mostra il potenziale che quest’area potrebbe avere per la salute umana”.

Altri metodi di prova includono colture cellulari, in cui le cellule umane vengono coltivate in laboratorio. “Questa è un’area in cui il laboratorio FRAME ha molta esperienza nell’utilizzo di tessuti donati dagli ospedali locali”, afferma Camp.

Esistono anche metodi di modellazione matematica che, con lo sviluppo della tecnologia, vedranno l’uso dei dati dei pazienti e dei volontari umani assumere un ruolo più importante.

“La cosa molto eccitante della ricerca umana e non animale è che apre opportunità per l’assistenza sanitaria specifica per il paziente”, afferma con entusiasmo Camp.

Con i progressi nel campo e la crescente pressione per sostituire i test sugli animali con metodi più umani, come potrebbe apparire in futuro il modello di test antidroga della FDA?

La FDA sembra prendere in considerazione una serie di metodi di ricerca non sugli animali per andare avanti. In un incontro con il suo Science Board il 14 giugno, sono state discusse alternative come i sistemi microfisiologici in combinazione con metodi cellulari e computazionali.

Camp afferma che l’abbandono dei test sugli animali non è solo qualcosa che stiamo vedendo negli Stati Uniti ma anche in tutto il mondo, con più governi che esplorano la ricerca non animale e l’UE che rafforza il suo impegno a eliminare gradualmente la ricerca sugli animali.

Tuttavia, il cambiamento potrebbe essere lento perché, al momento, i metodi non animali ricevono pochissimi finanziamenti, sottolinea Camp.

“Con maggiore fiducia e finanziamenti, i metodi di ricerca non sugli animali hanno un enorme potenziale”, afferma.

“Quello che vorremmo vedere sono somme di denaro significative investite nello sviluppo di metodi di test privi di animali per aumentare la rilevanza umana dei risultati della fase di test preclinici”.

Camp afferma che ciò aumenterebbe il numero di potenziali farmaci che arrivano sul mercato e ridurrebbe il tempo necessario per il processo dal laboratorio al mercato.

Per finanziare la sua iniziativa sui metodi non animali (NAM), la FDA chiede al congresso 5 milioni di dollari nell’anno fiscale 2023.

Sebbene il cambiamento possa essere lento, Camp crede che la decisione della FDA possa essere solo una buona cosa. La vede come una vittoria per animali e umani.

“Concentrarsi sullo sviluppo e sull’adozione di metodi non animali ci consente di concentrarci su modelli e trattamenti rilevanti per l’uomo per la malattia invece di utilizzare modelli animali meno rilevanti e più limitati con preoccupazioni etiche”, afferma.

Inoltre, Camp crede che concentrarsi su metodi non animali aprirà la porta a enormi progressi nella nostra comprensione delle malattie e dei disturbi umani. Potrebbe inoltre accelerare lo sviluppo di nuovi farmaci riducendo al contempo i costi della ricerca.

“Creando una gamma di metodi strettamente basati sulla nostra fisiologia umana, saremo in grado di testare in modo più accurato, indagare sulle malattie in modo più chiaro e creare trattamenti che si spera ci diano risposte laddove gli attuali metodi animali non lo sono”, afferma.

Controlla anche

Il farmaco dimagrante Semaglutide influisce sul sapore del cibo?

Condividi su Pinterest In rapporti recenti, le persone hanno descritto in modo aneddotico i cambiamenti …