Texas – La siccità del Texas rivela impronte di dinosauri di 113 milioni di anni fa

Una mega siccità ha esposto le tracce di un dinosauro Acrocanthosaurus in un letto di fiume prosciugato

Un fiume prosciugato ha rivelato le grandi impronte di un dinosauro Acrocanthosaurus in Texas

Deutsche Welle

Deutsche Welle | Pubblicato il 26.08.22, 10:42

Una siccità nello stato americano del Texas ha svelato il percorso di un antico dinosauro. Le impronte dell’Acrocanthosaurus, un dinosauro vissuto 113 milioni di anni fa, sono state rivelate in un letto di fiume asciutto la scorsa settimana.

A quel tempo, la regione si trovava sul bordo di un mare, il che significa che il dinosauro avrebbe potuto lavarsi i piedi.

Come il Tyrannosaurus Rex, l’Acrocanthosaurus era un predatore all’apice, del peso di circa quattro tonnellate. Tuttavia, l’Acrocanthosaurus visse all’inizio del Cretaceo, 50 milioni di anni prima del suo famoso parente.

Le riprese video mostrano le enormi impronte impresse sul fondo del fiume Paluxy con tre dita che fuoriescono dal tallone. Le dita dei piedi hanno artigli affilati alle estremità, specializzati per ottenere trazione nella corsa e inchiodare a terra gli animali da preda.

Orme di dinosauri

Le impronte dei dinosauri sono state registrate per oltre 100 anni nell’area in cui sono state trovate le impronte nel Dinosaur Valley State Park.

Ora a 480 km (300 miglia) dal Golfo del Messico, il parco statale è un punto di riferimento per il monitoraggio dei dinosauri a causa della sua storia costiera. I depositi di carbonato di calcio provenienti dai gusci dei crostacei che vivevano nelle terre di mare milioni di anni fa formavano un fango dalla consistenza perfetta per preservare le tracce.

Altre specie di dinosauri con impronte di carbonato di calcio di 100 milioni di anni nella regione includono i proteli Sauroposeidon, erbivori giganti che viaggiavano in branchi e lasciavano tracce simili a elefanti.

Siccità che rivelano reliquie più antiche

Le tracce sono state rivelate a causa delle condizioni di siccità estrema in Texas. Lungi dall’essere un periodo di siccità, le condizioni sono in corso da 20 anni, guadagnandosi la classificazione di “megadought”.

Uno studio recente ha rilevato che la regione sta vivendo il suo periodo più secco da oltre 1.200 anni.

La crisi climatica ha portato alla luce molte scoperte antiche negli ultimi anni. L’estrema siccità in Iraq lo scorso anno ha rivelato la città di Zachiku dell’età del bronzo, offrendo agli archeologi una breve finestra per esaminare il sito prima che fosse nuovamente allagato.

I bassi livelli dell’acqua hanno anche rivelato reliquie della corsa all’oro in California, un villaggio sommerso in Germania e un villaggio fantasma in Spagna.

Mentre i risultati ci collegano con le reliquie perdute del passato, gli esperti avvertono che la crescente frequenza e intensità della siccità sta avendo un effetto catastrofico sugli ecosistemi di tutto il mondo.

Con oltre un milione di specie attualmente a rischio di estinzione a causa delle attività legate all’uomo e del cambiamento climatico, la preoccupazione è che molte specie viventi oggi saranno ricordate solo dalle loro impronte.

Controlla anche

Cara Disney, per favore smettila di fare film Marvel più lunghi del necessario

Iscriviti alla nostra newsletter Tutte le migliori funzionalità, notizie, suggerimenti e fantastiche offerte per aiutarti …