The Insider – Rudy Galetti: Conte spia Osimhen; Chelsea che guarda Skriniar; La Juventus voleva De Zerbi

sirene inglesi per Milan Skriniar; Rafael Leao, ecco perché il Milan ha detto no al Chelsea; E Victor Osimhen potrebbe diventare un giocatore degli Spurs. Ecco alcune delle storie principali degli ultimi giorni di mercato dell’esperto di calciomercato di TribalFootball Rudy Galetti.

Skriniar, tieni d’occhio la Premier se non arriverà il rinnovo con l’Inter

Ne abbiamo parlato qualche settimana fa, la discussione tra Inter e Milan Skriniar, per il rinnovo del contratto, è ancora in corso. Sul tavolo, per il centrale slovacco c’è la stessa proposta – dallo scorso giugno – di circa 6 milioni di euro l’anno più bonus che, però, non ha convinto tutti gli interessati.

Marotta e l’entourage del giocatore – il cui contratto scadrà nel 2023 – sono ancora al lavoro per raggiungere un compromesso che legherà il difensore nerazzurro fino al 2027. Un accordo che, dopo aver respinto gli attacchi del PSG quest’estate, sembrava molto stretto ma che ora è. impiegando più tempo del previsto. Proprio per questo ci sono alcuni club inglesi – tra cui il Chelsea – che stanno monitorando attentamente la situazione: Skriniar è aperto a valutare le offerte della Premier League se non si riesce a raggiungere l’accordo per il rinnovo del contratto con l’Inter.

Il club del presidente Zhang è stato avvertito. Se non ci sarà una accelerazione nelle trattative per il rinnovo nel breve termine, non si può escludere una possibile cessione anche a gennaio per evitare di perdere un giocatore del suo valore da free agent. Soprattutto per un club con una situazione finanziaria disastrosa come l’Inter, una cosa del genere non sarebbe accettabile.

Il Tottenham continua a seguire Osimhen come possibile sostituto di Kane

È dallo scorso marzo che il Tottenham ha preso di mira l’attaccante del Napoli Osimhen come possibile sostituto di Harry Kane, in caso di suo addio.

L’attaccante inglese, infatti, è seguito a ruota dal Bayern Monaco che farebbe di tutto per portarlo in Bundesliga la prossima stagione. Una possibile partenza di Kane verso Monaco potrebbe innescare una reazione a catena, con il Tottenham pronto ad affondare il colpo per Osimhen, con una possibile offerta iniziale di 80/85 milioni di euro. Il Bayern Monaco – come confermato nelle scorse settimane – non ha nascosto il proprio interesse per Kane, vero bersaglio di mercato per l’attacco del prossimo anno.

Tuttavia, Antonio Conte ha già chiarito le cose: se Kane dovesse lasciare il Tottenham, l’ex tecnico di Inter e Chelsea vorrebbe Osimhen. Conte apprezza così tanto le capacità dell’attaccante nigeriano che lo vedrebbe come la prima alternativa se Kane dovesse andare via. Allo stesso tempo, il Tottenham non ha ancora aperto i colloqui con l’attaccante inglese, il cui contratto scadrà nel 2024. Una situazione quindi da monitorare, possibili sviluppi già dopo il Mondiale, nella prima parte del 2023.

Leao, il Milan ha detto no al Chelsea anche nell’ultima giornata di mercato

Rafael Leao è sicuramente il miglior giocatore del Milan in questa prima parte di stagione. L’esterno portoghese, con il suo talento e i suoi gol, sta guidando i rossoneri in Serie A e anche nel girone di Champions League.

Un giocatore fondamentale che nelle ultime ore di mercato estivo, il Chelsea ha provato a strappare al Milan. Lo ha confermato lo stesso direttore Paolo Maldini – che pochi giorni fa – ha rilasciato questi commenti: “Il Chelsea non ha inviato alcuna offerta ufficiale per Leão, ma ha fatto una proposta verbale che noi abbiamo respinto”. Tutto vero. A fine agosto i Blues hanno fatto l’ultimo tentativo di portare Leao allo Stamford Bridge, offrendo al Milan 80 milioni di euro + alcuni giocatori nell’affare.

Come detto, il Milan ha rifiutato la proposta citando la clausola rescissoria da 150 milioni di euro come valore di Rafa che alla fine è rimasto in Serie A e – come ribadito anche da Maldini – è uno degli elementi principali su cui si basa il progetto rossonero. Ulteriore retroscena: il debito per inadempimento di 19 milioni di euro che Leao deve pagare allo Sporting ha rappresentato un’ulteriore complicazione per il Chelsea per presentare una nuova offerta “informale” al Milan.

Allegri, panchina calda – ma solida – grazie al suo oneroso contratto

“Pagherai l’altro che viene?”, con queste parole ha risposto l’ad della Juventus Maurizio Arrivabene a un tifoso che chiedeva il licenziamento di Max Allegri.

Di certo il tecnico bianconero non ha iniziato al meglio in questa stagione: 2 sconfitte in 2 partite di Champions League che potrebbero compromettere la qualificazione agli ottavi, -7 punti dalla capolista e, soprattutto, una partita che non non funziona.

La posizione di Allegri sembra comunque essere solida, complice il suo contratto molto oneroso. Sì, perché Massimiliano Allegri è l’allenatore più pagato della Serie A insieme a Jose Mourinho. Un accordo da 7 milioni netti all’anno, circa 13 milioni lordi a stagione – più bonus legati ai risultati – che scadrà nel 2025. Un impegno di circa 52 milioni, più costi variabili.

Ecco perché oggi, per la Juventus, licenziare l’allenatore significherebbe far saltare in aria circa 60 milioni di euro. Una spesa che i bianconeri – in questo primo anno di accordo transattivo con la UEFA – non possono permettersi, anche alla luce dell’ultimo report che indica una perdita di 132 milioni di euro nel periodo gennaio-giugno 2022 che porterebbe le perdite complessive della esercizio 2021/22 a oltre 250 milioni di euro. Tuttavia, se le cose non migliorano, Andrea Agnelli sarà costretto a trovare un’alternativa. Il primo nome in lista era Roberto De Zerbi, ma lunedì è stato annunciato ufficialmente dal Brighton. Allegri, ormai, può tirare un sospiro di sollievo.

Zaniolo: ad un passo dal rinnovo del contratto con la Roma

“Non ho vissuto un’estate particolare, ogni anno devo andare qua e là, e alla fine rimango alla Roma. Siete voi della stampa che sognate ad occhi aperti il ​​mio futuro”. Con queste parole Nicolò Zaniolo ha respinto ogni voce sul suo possibile addio alla Roma durante l’ultima seduta di mercato.

Non solo parole. Il centrocampista italiano sembra davvero motivato a vestire la maglia giallorossa anche in futuro. E non è un caso che le trattative tra il giocatore e il club italiano per il rinnovo del contratto – in scadenza nel 2024 – procedano a gonfie vele. Così velocemente che la sensazione è che già durante la pausa dei Mondiali potremmo arrivare alla fumata bianca.

Le parti, infatti, sembrano sempre più vicine alla ricerca di un accordo definitivo per il futuro del giocatore della Roma: sul tavolo un’offerta triennale – con opzione per il 4° anno – di 4 milioni + bonus a stagione che sembra mettere tutti d’accordo.

Ovviamente ci sono ancora alcuni dettagli da definire, ma la volontà della Roma e del giocatore è quella di proseguire insieme in un progetto fatto di vittorie e soddisfazioni. I Friedkins vogliono far tornare grande la Roma e, secondo i loro piani, uno dei giocatori chiave non può che essere Zaniolo.

Controlla anche

Il Leeds insegue l’affare per l’attaccante del Flamengo Pedro

Il Leeds United è alla ricerca di un accordo per l’attaccante del Flamengo Pedro. Leeds-Live …